Teatro dei Colori, riprendono le programmazioni nel territorio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica – Nel ringraziare il gentilissimo pubblico che ha partecipato numeroso ed entusiasta alla due giorni di “Oltre lo sguardo” per i trent’anni del Teatro dei Colori al Teatro dei Marsi, la Compagnia annuncia la ripresa delle programmazioni nel territorio in collaborazione con gli Assessorati alla Cultura. Si comincia con “Itinerari dell’arcobaleno” al Teatro Talia di Tagliacozzo, sabato 11 novembre alle ore 11,00 e domenica 12 alle ore 17,00 con con lo spettacolo “Fiabesca” della Compagnia Tam Teatromusica. Il 19 novembre alle ore 17,00 tornano “Le Domeniche da Favola “ al Teatro dei Marsi di Avezzano con “Cappuccetto e il Lupo” della Compagnia Bella. All’insegna di proposte teatrali interattive che vanno dal teatro d’attore, di figura e di video arte.

TAM TEATRO MUSICA “FIABESCA”
Ideazione, scrittura e regia Flavia Bussolotto, con Flavia Bussolotto, Marco Tizianel, tecnico “raccontafiabe” Stefano Razzollini, voce narrante Mafra Gagliardi, scene Michele Sambin, Alessandro Martinello, costumi Claudia Fabris, disegno luci Stefano Razzolini, video Michele Sambin, Alessandro Martinello, suoni Michele Sambin, maschere e oggetti scenici Michele Sambin e Alessandro Martinello, aiuto regia Michele Sambin,
Fiabesca è un’intensa e colorata immersione nel mondo simbolico della fiaba, dove ogni personaggio è un archetipo e i luoghi sono paesaggi interiori universali.

Un moderno “raccontafiabe” fa emergere memorie di fiabe conosciute con le immagini di un videoproiettore e con parole e suoni registrati. I personaggi di Hansel e Gretel, Cappuccetto Rosso, La Bella e la Bestia irrompono in scena evocando storie e simboli, per poi tornare nel profondo da cui sono venuti, lasciando una traccia, l’eco di un sogno o di un mito. In un regno suggestivo, di solito occupato dal racconto orale, dalla parola che evoca immagini, con la nostra ricerca proviamo, con leggerezza, a capovolgere il rapporto, raccontando soprattutto con immagini che evocano parole: simboli visivi scolpiti si condensano in un oggetto, in un segno di luce, contrappunto a un’ombra intensa e forte. In questo universo visivo anche la parola trova il suo spazio diventando segno essenziale.

COMPAGNIA BELLA “CAPPUCCETTO E IL LUPO”
Testo e regia Giampiero Pizzol. Interpreti Laura Aguzzoni,Maria Mengozzi, Giampiero Pizzol, Giampiero Bartolini. Musiche Carlo Pastori. Scene e costumi Manuela Camprini. Ecco una fiaba tutta di musica e comicità, di paura e di coraggio, una storia antica come il mondo e in cui ci si diverte un mondo. Cappuccetto Rosso è una tra le più conosciute e antiche fiabe. Quando una storia ha una così universale diffusione vuol dire che affonda le sue radici in profondità e in qualche modo vela e svela un mistero. Qual’ è dunque il tesoro nascosto nella vicenda di Cappuccetto? In realtà si tratta di una delle scoperte più evidenti ma anche più essenziali per la vita dell’ uomo sulla terra: Cappuccetto è rosso come il Sole che entra ogni Notte nella pancia buia del Lupo per uscire fuori al mattino in tutto il suo splendore. Ecco dunque la parabola della Luce e la legge della speranza che dà ritmo alla vita. Il ritmo è proprio la caratteristica di questa breve, ma affascinante fiaba che ci consente di superare la paura e non disperare nemmeno quando sembra che tutto sia finito tra i denti del Lupo.

La storia si snoda nel suo incedere tradizionale in una giostra di figure e in un carosello di canzoni, tra un Cacciatore spaccone e burlesco, un Lupo trasformista e buongustaio ma ahimè, troppo ingordo, una Mamma sempre indaffarata con caffè e ciambelle, una vecchissima e divertente Nonnina e una Bambina sveglia e birichina. Ma attraverso questo gioco teatrale e clownesco di avventure, di fame e fantasia, la fiaba scorre verso il suo senso profondo: l’ uscita dal Buio della notte simboleggiato dalla bocca del lupo verso il regno della Luce di cui il rosso cappuccio è segno e guida come il Sole nei cieli lo è di ogni viaggio umano nel bosco della vita. Le canzoni di Carlo Pastori e il divertente testo di Giampiero Pizzol disegnano e colorano questo spettacolo proiettandolo dal palco alla platea fino a coinvolgere i bambini che come spesso succede, sono i primi a guidarci verso la allegra bellezza del mondo.

Il ricco programma proseguirà per tutta la Stagione nei teatri di Pescina, Celano, Cerchio Le attività si svolgono con il contributo dei Comuni di Avezzano e Tgaliacozzo e rapporti Istituzionali con: Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Regione Abruzzo.

Informazioni:
Associazione Teatro dei Colori Onlus, Via dei Gerani, 45 – 67051 Avezzano (Aq) Tel. 0863.411900 – 347.3360029 – www.teatrodeicolori.it e-mail: info@teatrodeicolori.it.




Lascia un commento