Tagliacozzo e Magliano dei Marsi: quattro denunce per falsificazione di monete



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – I Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo, al termine di un’attività di indagine, hanno identificato e deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria, poiché ritenuti responsabili del reato di “falsificazione di monete”, quattro persone, tre delle quali originarie del napoletano ma residenti a Magliano dei Marsi, ed una della zona.

Al termine di un’attività d’indagine, avviata a seguito di alcune denunce sporte da agosto 2017 a febbraio di quest’anno da parte di alcune vittime che erano state ingannate durante alcuni acquisti fatti al mercato rionale di Tagliacozzo, nonché presso un bar di Magliano dei Marsi, in quanto avevano ricevuto dal commerciante monete contraffatte del taglio di 50 euro, i militari della Stazione di Tagliacozzo hanno richiesto alla Procura di Avezzano un decreto di perquisizione. Nella giornata di ieri, quindi, i militari della locale Stazione unitamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno eseguito il  citato provvedimento presso le abitazioni di rispettiva residenza dei quattro indagati, ovvero tra Magliano dei Marsi ed Avezzano, nonché sui veicoli in uso agli stessi, tra cui anche quelli utilizzati per la vendita ambulante di prodotti alimentari in occasione del mercato rionale di Tagliacozzo.

Durante le operazioni, all’interno dell’abitazione e del veicolo in uso ad uno di loro sono state rinvenute alcune banconote contraffate del taglio di € 50,00 aventi tra loro lo stesso numero seriale, che corrisponde anche a quello di altre banconote del medesimo taglio consegnate in sede di denuncia da parte delle vittime del luogo, presentate nell’arco temporale da agosto 2017 a febbraio 2018. I valori contraffatti sono stati sottoposti a sequestro.

Le indagini proseguono ulteriormente al fine di individuare eventuali complici e per risalire a coloro che gestiscono la produzione delle banconote contraffatte, anche nella considerazione che questi non sono gli unici casi riscontrarti di recente nella Marsica.




Lascia un commento