Storia della Marsica

STORIA DEL CARSEOLANO ( epigrafi da Carsioli )

 

Con questa breve nota si intende segnalare un’interessante relazione archeologica, recante la data del 28 dicembre 1888, riguardante la zona dell’antica città di Carsioli (1). La suddetta relazione, firmata dal regio ispettore Ercole Canale Parola, era indirizzata al direttore generale degli scavi e musei del regno in Roma. In essa vengono segnalate cinque epigrafi che l’ispettore ebbe modo di vedere durante una sua visita nella zona di Civita (Oricola).

Il primo reperto descritto nella relazione non è una vera e propria epigrafe. In realtà si tratta di un cippo o ARA in pietra calcarea, con inciso un bassorilievo, rappresentante una scena sacrificale. Così scriveva l’ispettore: Nell’antica cantina della taverna del Cavaliere (Pereto) presso quella stazione fer roviaria, esisteva un cippo calcare di forma bellissima, su cui è raffigurato un sacrificio. A sinistra sta scolpito un sacerdote vestito delle sacre insigne, appresso di lui vi è un personaggio che ha dinanzi un tripode sul quale è deposta la vittima. Viene poscia un altro personaggio pur e lui in piedi che tiene per freno un bue sul dorso del quale pende una stola alla quale veniva designata la vittima del sacrificio.

Nella parte superiore del cippo vi è scritto SACR. Questo cippo fu trovato fra le rovine di Carseoli, ma nessuno mi seppe dire l’epoca in cui fu ritrovato (2). Questo reperto è descritto nel Corpus Inscriptionum Latinarum volume IX scheda n. 4052 (3). In essa si afferma che il reperto fu rinvenuto in “ruderibus Carsiolanorum”, nella località fonte di Civita, all’interno di una vigna di proprietà di un certo Antonio Ferrari di Oricola. Si conservava nei pressi dell’osteria del Cavaliere, precisamente nella casa della famiglia De Vecchi (4).

La relazione prosegue con la descrizione del frammento di un’altra epigrafe che l’ispettore ebbe modo di vedere in un gradino nella suddetta taverna del Cavaliere. Il testo epigrafico è del seguente tenore:

… COSIDI
F……RBI
POPILLIVS
RVFVS ..ILL.

Questa epigrafe è descritta nella scheda n. 4078 del C.I.L. IX; attualmente risulta irreperibile. Così viene completata :

POLIA COSIDIA
F. F. ORBI
C. POPILLIVS. C. F
RVFVS
..POPILLIVS. C. F

La relazione termina con la segnalazione di altri tre frammenti epigrafici che l’ispettore vide nella chiesetta di San Vincenzo a Carsoli (5).

1) Frammento:
T. VOLESEDIVS T. F.
ANI GALL
I NER P. XV
2) Frammento:
VOLESEDIVS T.F.
ANI GALL
LEDSDIUS F
3) Frammento:
GALE
MAXIM
SIMIS AO A
CAESARIENSIS

Anche queste tre epigrafe sono contenute nel C.I.L. IX e sono descritte qui appresso:

1) Scheda n. 4096:
T.VOLESEDIVS.T.F
ANI . GALL.
IN FR. P. XV
2) Scheda n. 4095:
VOLESEDIVS TF
ANI . GALL.
VOLESEDIVS . T
AESCHIN
3) Scheda n. 5967:
GALER
MAXIMINO NO
SIMIS AC BEATIS
CAESARIBUS

I frammenti 4096 e 4095 si conservano ancora all’interno della chiesa di San Vincenzo. Invece, il frammento 5967 è stato trafugato nell’estate del 2002.

NOTE

1) Il documento originale si conserva nell’Archivio Centrale di Stato a Roma: MPI. AA.BB.AA., II versamento, I serie, b.12, fascicolo 198.
2) Cfr. COLT O’HARE H., Classic Tour Through Italy, excursion from Rome to the lake of Celano. London 1819. L’autore affermava che il cippo era collocato in una vigna sita tra i ruderi di Carsioli. Egli descriveva la scena sacrificale composta da tre personaggi ed una vittima (un bue) dinanzi all’altare. Sul lato opposto della scena principale vi era scolpito un ramo di ulivo, su di un lato c’era una patera, dall’altro un vaso con un suino scolpito più in basso. Esso aveva incisa sopra la scena sacrificale una breve iscrizione: SACR. Cfr. GORI F., Nuova guida storica artistica […], parte IV. Roma 1864. L’autore aggiunge nella descrizione della scena sacrificale un personaggio che suona la duplice tibia, affermando che l’intera raffigurazione era la classica rappresentazione del (sacrificio) SUOVETAURILIA, solito offrirsi a Cerere per la protezione dei campi.
3) CORPUS INSCRIPTIONUM LATINARUM, vol. IX, Berlino 1883. Nella scheda n. 4052 vengono descritti tutti i particolari del cippo. L’iscrizione viene completata così: CERERI · SACR.
4) Questo reperto è stato considerato per molti anni disperso. Attualmente si conserva nel parco di villa Ricciotti Garibaldi a Riofreddo, sede del locale Museo delle Culture.
5) Notizie riguardanti la chiesetta di San Vincenzo sono contenute in: ZAZZA A., Notizie di Carsoli, manoscritto post 1881, edito a cura di M. Sciò, F. Amici e G. Alessandri. Pietrasecca di Carsoli 1998, pp. 15-16.

Testi di Tullio Aebischer

avezzano t2

t4

STORIA DEL CARSEOLANO ( epigrafi da Carsioli )
STORIA DEL CARSEOLANO ( epigrafi da Carsioli )

avezzano t4

t5