Castello baronale dei Colonna occupato da soldati spagnoli
La congiura del governatore di Avezzano in un contesto sociale corrotto e instabile (1680-1688)
Nel regno di Napoli e nella Marsica, come andiamo affermando, gli accordi tra viceré spagnoli e poteri feudali per il controllo delle risorse del territorio appaiono, per gran parte del Seicento, come...
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Tagliacozzo – La Porta dei Marsi di Tagliacozzo è uno dei luoghi iconici del paese marsicano. Si tratta di uno dei cinque ingressi medievali che consentivano l’accesso al borgo. Nell’immagine...
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Opi – Il 3 aprile del 1993 si tenne, a Pescasseroli, capitale del Parco, una conferenza dal tema: “La scoperta del primo giacimento di vertebrati fossili nel Parco”. Per la verità la scoperta fu...
Oltraggio del Gran Contestabile Sciarra Colonna al papa (lo schiaffo di Anagni)
Escrescenze del lago di Fucino, l’architetto Fontana e il Gran Contestabile Sciarra Colonna (1680-1683)
Per ragioni di spazio, pur omettendo numerosi altri episodi che determinarono la vita socio-economico-politica del territorio in questione, occorre accennare a fatti importanti con gradi diversi e sotto...
Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina
La fine della "Università degli Artigiani": dal Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina all'oblio totale
Pescina – Era il periodo post bellico, correvano gli anni ’50, e fu allora che la Pontificia Opera Assistenza del Vaticano, la concattedrale dei Marsi, Santa Maria delle Grazie, con l’allora...
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino
Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno...
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
Cerca
Close this search box.

Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)

Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno 1682 al 1684. Introito della Stanga. Capitoli per la pesca da farsi alla Palude nel lago del Fucino, affitto della Stanga conto dei panni e stima della pesca. Allegata la piantina della palude più Bastardelli» (1).

Nelle prime pagine di questo prezioso rendiconto si legge in un italiano stentato tra lingua volgare e linguaggio locale: «Denari depositati nel Banco di S. Spirito da Lorenzo Corsi in conto della sua amministrazione della Stanga del Lago di Fucino». Molteplici libricini definiti «Bastardelli», attaccati all’interno di un voluminoso registro della contabilità, riportano gli elenchi di tutti i pescatori al servizio del Colonna. Nome dopo nome e, con una precisione di dati espressivi, sono citati numerosi crediti di ogni singolo pescatore, la quantità del pescato, vari pesi, le spese per la manutenzione delle barche, ecc.,: in poche parole, tutto il dovuto alla pesa di una sorta «bascula» baronale. In altro «Bastardello del mese di Agosto 1683», si riporta un lungo elenco dei pescatori appartenenti alle «Stanghe» di Luco, Trasacco, Paterno e Caruscino. L’affittuario «del detto Lago» era il conte Tommaso Resta del ducato di Tagliacozzo (anni dopo la famiglia del conte si trasferirà ad Avezzano). In base alle clausole del contratto (12 maggio 1683), si legge: «[…] Nell’inventario e stima degli Stigli, arnesi, del Gran Contestabile D. Lorenzo Onofrio Colonna per uso nella pesca del Lago di Fucino, consegnati al Signor Tommaso Resta, stimati da Pietro Di Berardino, e Gio: Antonio Di Berardino di Luco, periti Eletti comunemente dall’Abate Carlo Farina, ministro del detto Eccellentissimo Contestabile d’una parte, e dal detto Signor Tommaso Resta, Conduttore del detto Lago». 

In altri capitoli specifici sulla pesca, leggiamo chiaramente che il Colonna affittò una parte di essa a forestieri, come nel caso del veneziano Giovan Battista Parmegiano di Comacchio. Oltretutto, nelle clausole dell’accordo sono riportati anche espliciti avvertimenti rivolti ai pescatori locali: «Il pesce, che si pigliarà da Gio: Battista, e suoi huomini che dovrà ritenere detto Gio: Battista a spese proprie nella chiusa fatta al Palude con l’ordegno, et altri modi, si doverà spartire per metà, una parte alla Stanga per sua Eccellenza, e altra al suddetto Gio: Battista. Che nessuno possa pescare nella Chiusa della Palude, se non sono huomini di Gio: Battista ritenuti a sue spese proprie, con proibire ancora, che nessuno vi si accosti a detto ordigno, et incannucciata, onde sarà posto un segno, pena chi trasgredirà Ducati dieci da applicarsi 1/3 alla Stanga, 1/3 a Gio: Battista et 1/3 alla Corte secondo li Bandi […] Che sia data casa in Luco a Gio: Battista per tre anni in più». Inoltre, il feudatario raccomandava a tutti i pescatori di Luco di offrire: «i suoi soliti regali, farsi dare un poco di pesce ai pescatori, quando si pesa per regalo solito consueto, senza alcuna alterazione nella quantità». Il soprintendente Lorenzo Corsi anticipò, come da ordini del Colonna, tutto il materiale per costruire una chiusa fatta di rami e sterpi chiamati (ordigno), ricevendo in seguito anche il delicato compito di trattare cortesemente i pescatori veneziani. La somma totale ricavata dalle stanghe colonnesi per il diritto dello «jus piscandi», ammontava a ducati 4126, tarì 66 e grana 3 ogni anno, meno le spese che assommavano a ducati 306, tarì 78 e grana 1. Il ricavato netto annuale ascendeva a 3.500 ducati. Infine, una nota conclusiva intitolata: «Spese per far le strade in tempo di neve, acciò potessero camminare li Pesciaroli fino alla Terra di Rocca di Cerro», riporta con esattezza un sunto delle uscite pari a ducati 305, tarì 90 e grana 8, per un ricavato pulito delle vendite del pesce venduto a Roma di 579 ducati e tarì 9 (2).

Tuttavia, siamo in grado di conoscere altre importanti testimonianze sui metodi di pesca adottati dai pescatori del Colonna, da quelli dell’abazia di S.Maria della Vittoria di Scurcola Marsicana e dei conti di Celano, criteri ben evidenti nelle memorie processuali dell’avvocato Pietro Cambise, che riportò accuratamente elencati tutti i sistemi di pesca praticati sul lago. Occorre ancora notare che altre preziose notizie si possono ricavare nelle testimonianze di tipo fiscale e giudiziario esistenti nell’Archivio Barberini, nei processi civili della Regia Camera della Sommaria e nei rendiconti annuali al re di Napoli degli intendenti borbonici (3).

NOTE

  1. A.S.Aq., Inventario Archivio Colonna. Ducato di Tagliacozzo (da 1 a 40-dal 1625 al 1863), vol.9, 1628-1684. Il «bastardello» conteneva in genere le registrazioni di: bollette, ricevute e computi di spese.
  2. Nel fascicolo si trova una piantina dell’«ordigno», disegnata rozzamente su un foglio a parte. Somiglia a un grande recinto rettangolare costruito sull’acqua con tanto di pali d’ancoraggio e canne, alternati da barche. Tra i rami e gli sterpi galleggianti s’intravede una chiusa, rivolta in direzione di Luco, manovrata a discrezione dai pescatori quando il pesce entrava e restando intrappolato.
  3. A partire da Corsignani, Febonio, Botti, Lopez, Celani, Raimondo, Piccioni e altri autori, la tesi di laurea di Roberto Pasqualoni (1972-73), rimane ancora oggi una ricerca esaustiva valida per orientarsi nel vasto panorama di studi sull’argomento.

LEGGI ANCHE

Pouring water from jug into glass on blue background
Manutenzione straordinaria sulla linea Avezzano - Pescara
Maria Assunta Oddi
Nasce in Abruzzo il primo Parco europeo dei Borghi del Respiro: comprenderà i 22 borghi del Parco Sirente Velino
Nasce una colonia felina a Forme di Massa d'Albe
Sostegno all'agricoltura: fondi per l'emergenza Peronospora e per l'abbattimento dei tassi di interesse
Inciviltà nel parco giochi di Tagliacozzo, "assediato" da ragazzi che giocano a pallone: bambini piccoli e genitori costretti ad andarsene
Rivoluzione nella terapia dell'AIDS presso l'Ospedale dell'Aquila: un'iniezione bimestrale al posto della pillola quotidiana
Rocca di Botte celebra San Pietro eremita con l'apertura estiva della sua casa natale
Buona partecipazione alla Giornata ecologica a Civita d'Antino, il Comune: "Nei prossimi giorni saranno installate nuove telecamere"
Messa in ricordo di madre Maria Teresa Cucchiari, fondatrice delle Suore Trinitarie e Serva di Dio
Torna il Giardino Letterario ad Avezzano: si parte nel fine settimana con due romanzi gialli
Agisci in fretta l'ictus non aspetta, il 29 Giugno screening gratuito a Canistro
FB_IMG_1718281622330
Ambulatorio Accessi Venosi
Raccolta di legname per autoconsumo, D’Annuntiis: "Possibile nei pressi dei corsi d'acqua di competenza regionale"
Giornata di prevenzione oncologica
Sicurezza nelle emergenze: il NOVPC di Tagliacozzo arricchisce il suo parco mezzi
donazione sangue giovani
Mister Andrea Di Nicola torna ad allenare il Pescina Calcio dopo 11 anni
Volpino malato di tumore abbandonato per strada: "Lo abbiamo operato e sta bene, ora cerca una famiglia"
Oggi si celebra S. Antonio da Padova, sindaco Giovagnorio: "Un giorno di riflessione e di raccoglimento per tutti i tagliacozzani"
L'orso bruno marsicano
cris

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.