Si intitola “Creatura Migliore” il nuovo brano di Calliope



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Si intitola “Creatura Migliore” il nuovo brano di Calliope (Tamara Macera).

Dopo l’uscita di “2000 persone”, ad ottobre , la cantante abruzzese presenta una canzone che si discosta dallo stile proposto fino ad ora. Stile che ricorda gli anni novanta e i Prozac +. Registrata presso lo Slam Studio Recordings, “Creatura Migliore” è un brano dal sentore malinconico e nostalgico. Uno strascico di consapevolezza post – adolescenziale che non lascia scampo al sogno. La chitarra acustica e gli archi accompagnano un canto sussurrato e sospeso, prima di esplodere sul finale, con l’entrata dei cori e di altri strumenti.

Il videoclip è a cura di Ottavio Proietti, che attraverso immagini in bianco e nero, è riuscito a cogliere tutti i colori e l’essenza della musica. Una contraddizione imprigionata in una gabbia di senso.

Infine “Creatura Migliore” non è uno slogan di incoraggiamento. È solo un velo apparente. C’è il buio dietro ogni parola e la ricerca di una verità tanto agognata.

Il progetto di Calliope è un cammino di riscoperta di sonorità aggressive e testi ermetici. Fondamentale è l’utilizzo della parola nella sua completezza su tonalità che danno spazio ad una voce grave e corposa. Ogni canzone non guarda a tematiche specifiche, il tutto si distacca dalla dimensione sociale e sentimentale, punta invece all’espressione di una qualche verità. Lo stesso vale per la musica che non trascende mai dalla parola stessa e ne diventa serva.

A seguire il testo e il link del videoclip su youtube:

 

Creatura Migliore

Sono qua

vanità

luce, specchio brame, favola.

Cosa c’è

di buono in me?

Nulla che io possa perdere

Rit: Gli occhi prendono luce acqua a restituire

non c’è niente di struttura migliore, migliore, no non c’è

fai i tuoi conti senza oste e lasciami pagare

non c’è prezzo che io ritenga migliore, migliore, non per me

Parlami

e crederò

che la terra è piatta incubo

scegli la

tua realtà

che sia bugia più dolce e candida

Rit: Non c’è preghiera senza falsa eredità d’onore

non mi rende una creatura migliore, migliore, non per me

cuscini di pietra, sento il battito non fa rumore

è una fibra sporca quella del cuore, del cuore, va da sé

Ogni passo veloce e sicuro

ogni passo innalza questo muro tra chi vive e chi muore

sai a chi appartenere

deserto in fondo al mare

il deserto è un Dio che vale il tempo di una reazione

che tu chiami amore

 

Video su youtube:

https://youtu.be/5wa60HtkHMU