Si alla Marsica e Piana del Cavaliere come Aree di Crisi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Oricola – “Il Ministero dello Sviluppo economico indica il 3 novembre come data limite in cui la Regione Abruzzo deve scegliere tra i propri territori quali siano le Aree di Crisi non complesse, non superando il limite di circa 600mila abitanti (la metà della popolazione abruzzese eleggibile)”.

Questo è quanto premette Vincenzo Mini, Capogruppo consiliare di OricolaCamp, intervenendo dal Distretto Industriale Piana del Cavaliere, poi prosegue affermando: “È importante in questa fase portare a casa il risultato di far rientrare il Sistema Locale del Lavoro di Avezzano in questo elenco che la Regione deve inviare al Ministero”.

“Questo risultato permetterà alle Piccole e Medie Imprese di attingere a un bando nazionale, supportato – confida Mini – anche da fondi regionali poiché gli attuali criteri nazionali indicano in un minimo di un milione e mezzo di euro le spese da affrontare. Questi stessi criteri non permetteranno a Grandi Imprese di proporre programmi di investimenti, ex-novo o di riconversione, agevolabili nella Marsica e Piana del Cavaliere poiché risulteranno possibili soltanto nei territori 107.3.c. Questa è un’ulteriore conferma che aver eliminato, nel luglio 2014 e non aver inserito nell’agosto 2016, i nostri comprensori nel 107.3.c – conclude Mini – ha portato e porterà sino al 2020 deficit difficilmente recuperabili”.




Lascia un commento