venerdì, 16 , Aprile
spot_img

Prima pagina

Segnalati molti nidi di processionaria in zona nord di Avezzano

Avezzano – Con il primo caldo della stagione torna anche l’incubo della processionaria. Alle segnalazioni inviate in questi giorni si sono ora aggiunte quelle della zona nord parco dei dinosauri e vicinanze ristorante parco della Rovere. Come sempre il luogo che risulta essere più interessato è la pineta. Gli alberi nei giardini non sono purtroppo esenti dal rischio processionaria, dunque è opportuno che il proprietario controlli ed in caso provveda a rimuovere l’eventuale nido. Si raccomanda massima attenzione, soprattutto se si è possessori di animali domestici.

Pericoli ed effetti sull’uomo:

La processionaria non è dannosa solo per il mondo vegetale, ma anche e soprattutto per il mondo animale. I peli urticanti della processionaria, infatti, si separano facilmente dal dorso dell’animale, o per contatto diretto, o per contatto indiretto, trasportati semplicemente dal vento. I peli urticanti possiedono una conformazione fisica tale da facilitarne l’aderenza a pelle, mucose e abiti.

Pericolosità per gli animali:

I peli urticanti della processionaria del pino così come di altri tipi di processionaria sono dannosi tanto per l’uomo quanto per gli animali. In questi ultmi in particolare, vi è un elevato rischio di contatto con le mucose, ingestione e/o inalazione. Più nel dettaglio, il rischio di ingestione o inalazione dei peli urticanti è particolarmente elevato in animali come cani, gatti e cavalli che, annusando il suolo o brucando l’erba, possono inavvertitamente inalare/ingerire i suddetti peli con consegeunze dai risvolti potenzialmente tragici.

Nel caso di ingestione della processionaria da parte di un cane, il primo ed evidente sintomo è rappresentato dall’abbondante e improvvisa salvazione, seguita dal rigonfiamento della lingua che può portare addirittura al soffocamento. A causa della violenta infiammazione, se non s’interviene prontamente, i tessuti che compongono la lingua possono andare incontro a necrosi, con conseguente perdita di porzioni della stessa. Altri sintomi dell’avvenuto contatto con la processionaria sono la febbre, la perdita di vivacità, il rifiuto del cibo e la comparsa di vomito e diarrea emorragica. In caso di inalazione, fenomeni simili si possono verificare a livello del naso e della sua mucosa, associati a difficoltà respiratorie. Risulta, pertanto, chiara l’importanza di rivolgersi immediatamente al proprio veterinario o a un pronto soccorso veterinario in caso di contatto con la processionaria, accertato o presunto che sia.

- Advertisement -

Promo Box



segnalate

TERRE MARSICANE VIDEO