Scurcola Marsicana, CREDICI “Telecom blocca le linee agli utenti che hanno sospeso  il bonifico”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Di seguito il comunicato stampa di CREDICI sui i disagi per gli utenti telecom a Scurcola Marsicana.
” A Scurcola Marsicana a distanza di 100 giorni, e dopo gli articoli apparsi su Il Messaggero e sul web, Telecom interviene sulle linee di alcuni utenti, ma trasforma il paradosso in farsa.  CREDICI segnala che la potente società, a poche ore dalla riattivazione della linea, ha di nuovo negato il servizio telefonico e l’ADSL agli utenti che, esasperati per il protrarsi del guasto, hanno sospeso il bonifico bancario per il pagamento della bolletta.

Telecom pretende che i cittadini di Scurcola  contribuiscano “a prescindere” ad impinguare il suo bilancio. L’Osservatorio CREDICI controbatte che neanche le clausole  capestro introdotte nel contratto possono in questo caso penalizzare il cittadino che, troppo spesso, le firma con leggerezza.  Per un disservizio cosi grave e prolungato (100 giorni) c’è solo da erogare un adeguato indennizzo per i danni morali e materiali   e compensare la sospensione con un periodo gratuito altrettanto lungo.

La nostra associazione  ha denunciato al CORECOM,  l’ennesima sofisticata vessazione  per i cittadini, non solo a Scurcola Marsicana. Non è certo uno scontro ad armi pari ma CREDICI non molla e  prova ad usare la sua “fionda” mediatica contro il Golia della comunicazione.

Infine, per non drammatizzare, passiamo dal serio al faceto: Questa mattina un buontempone simpatizzante di Credici ci ha chiamato per tranquillizzarci: Dopo la serata TV del Festival di Sanremo nella quale tra gli spot pubblicitari ha impazzato quello in cui la TIM, che sponsorizza anche il dopo festival con un suadente “TIM sempre con te”, proclama a gran voce che sta cercando il primo astronauta italiano da mandare sulla luna, ha dedotto che   il progetto è finanziato con i soldi degli utenti residenti a Scurcola come il signor L.P  che pagano “a vuoto” le bollette telefoniche.
E aggiungiamo noi che la Società telefonica conta anche su  quelli di chi ha disdetto il contratto e continua a ricevere la bolletta ( vedi il Signor T.I.) . L’implacabile legge dei grandi numeri, la pastura a cui si ispirano le multinazionali della comunicazione per la loro ricca “pesca”. E scontato dire
dopo il danno la beffa…””.