Santa Croce, le bottiglie sono 6 milioni. Termina oggi il sequestro di oltre 4milioni di euro



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Canistro. Sono circa sei milioni di bottiglie. Sono su circa 10mila bancali e andrebbero a riempire circa 300 tir. E’ la prima stima degli inquirenti, sul sequestro amministrativo avviato ieri pomeriggio dai dirigenti della regione, allo stabilimento dell’acqua Santa Croce di Canistro. Le operazioni per il sequestro dei bancali su cui si trovano le bottiglie non è terminato.

I dirigenti, insieme alle forze dell’ordine, torneranno questa mattina.

Intanto alle 10 ci sarà l’incontro alla Provincia, all’Aquila, per discutere degli ammortizzatori sociali. L’imprenditore Camillo Colella a quanto pare non ci sarà.

Ancora incerto il destino dei lavoratori. I sindacati fanno sapere che se nn scatterà la mobilità i lavoratori torneranno allo stabilimento domani. Chiederanno alle forze dell’ordine di presidiare il loro ingresso in fabbrica, per lavorare.

Si fa per dire, considerato che i rubinetti sono sequestrati dalla procura. E quindi potrebbe inscenarsi un quadro quasi surreale.

Intanto Colella fa sapere che dopo la forzatura dei cancelli di ieri allo stabilimento, denuncerà tutti.

Ecco la nota diffusa tramite la stampa:

“E’ stato surreale leggere le dichiarazioni rese alla stampa dal Vice Presidente della giunta regionale Lolli di una ispezione all’interno dello stabilimento di mia proprietà per sequestrare acqua captata, a suo parere, senza autorizzazione, a cui ha fatto seguito stamani la ‘visita’ di funzionari regionali accompagnati da numerosi carabinieri”.
Lo ha detto Camillo Colella, patron della Santa Croce, l’acqua minerale distribuita a livello nazionale, imbottigliata nello stabilimento di Canistro (L’Aquila), commentando la ispezione di questa mattina da parte di personale della Regione Abruzzo.

“Mi sorprende – ha continuato Colella -, nonostante le numerose ingiustizie ed abusi subiti dall’azienda da parte della Regione, peraltro tutti denunciati, che i vertici dirigenziali e politici dell’ente non sappiano che questa e’ un’azione illegittima che causa quantomeno una violazione del domicilio, visto che il potere ispettivo non e’ più in vigore essendo scaduta la concessione per la sorgente;  quindi la Regione non ha più il diritto ed i poteri di accedere ad uno stabilimento che ora e’ proprietà privata.
Va da se’ che una ispezione debba essere disposta dall’autorità giudiziaria e che quindi i dirigenti e Lolli si sono sostituiti a  questa istituzione”.

“In quanto all’acqua presente nei magazzini, abbiamo spiegato che, pur essendo in attesa di un chiarimento definitivo, e’ stata imbottigliata attingendo dai numerosi e  grandi serbatoi – ha spiegato l’ingegnere Colella -. Insomma, siamo di fronte ad un vero e proprio pastrocchio, segnale preoccupante di incompetenza e ripetuti abusi, ma anche di mancanza di rispetto nei confronti di un’azienda che ha salvato la Santa Croce nel 2007, risanandola e rilanciandola”.

Il patron della Santa Croce ha ricordato “che abbiamo dovuto attivare le procedure di mobilità dopo che la Regione ci ha negato proroghe per ben quattro volte, come invece fatto per altri, attuando una vera e propria persecuzione e vessazione nei nostri confronti”.

“Anche quanto successo questa mattina – ha concluso – sarà oggetto di denunce penali e civili, oltre che di richieste risarcimento danni milionari”.




Lascia un commento