San Vincenzo Valle Roveto è senza sindaco



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Vincenzo Valle Roveto – Cade, a San Vincenzo Valle Roveto, l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giulio Lancia. A pochi mesi dal rinnovo del consiglio comunale, il primo cittadino ha deciso di dimettersi. Aveva 20 giorni di tempo, dal momento della presentazione delle dimissioni, per tornare sui suoi passi, ma ha confermato di voler lasciare l’Ente. In paese arriverà quindi il commissario prefettizio che traghetterà il Comune fino al voto previsto in autunno.

“Da ieri dopo oltre 5 anni con lo scioglimento del Consiglio Comunale si è concluso il mio mandato elettorale” ha affermato l’assessore Umberto Niscola.
“Si è concluso in un modo inaspettato e di conseguenza non sono riuscito a terminare le ultime due cose promesse 5 anni fa ovvero dossi, segnaletica stradale e consegna baracche. Cose già belle che fatte e solo da mettere in opera, ma spero di riuscirci ad ottobre. Grazie alla mia amministrazione e ai dipendenti che mi ha permesso di onorare il mio territorio, ma soprattutto grazie alla mia famiglia a cui ho tolto molto moltissimo tempo. Grazie agli amici quelli veri che anche con una sola telefonata mi sono stati di sostegno. 5 anni che mi hanno segnato profondamente.
Il mio operato verrà giudicato nell’imminente tornata elettorale in cui ho deciso di ricandidarmi anche se ancora dobbiamo vedere molte cose”.

“Purtroppo tutti parlano, ma nessuno vuole mettersi in gioco ed è diventato estremamente difficile trovare persone disposte a sacrificarsi (anche se da una parte capisco la scelta). Nel bene e nel male non mi sono nascosto. Ho sempre cercato di rispondere alle 250 telefonate giornaliere e di intervenire per risolvere ogni problema. Delle volte (tante) ci sono riuscito ma altre (poche) no.
Ho combattuto con ansia, paura e stress perché per me i problemi della gente sono diventati i miei. Vi ringrazio dal profondo del mio cuore per avermi fatto compagnia. Sarò sempre uno di Voi, al servizio della gente e della Comunità”.