Ridotta di un anno la pena per Luigi Lusi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – E’ stata ridotta di un anno la reclusione inflitta all’ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi accusato di aver sottratto quasi 25 milioni di euro dalle casse del partito. Lo ha deciso la Corte di Appello di Roma che ha inflitto all’ex senatore 7 anni di reclusione (8 in primo grado), dichiarando prescritti due episodi di appropriazione indebita fino al settembre del 2008 e mantenendo inalterato il resto delle imputazioni.

I giudici di appello hanno inflitto ai commercialisti Mario Montecchia e Giovanni Sebastio rispettivamente 3 anni e 2 anni di reclusione, dieci mesi per la collaboratrice dello studio legale di Lusi, Diana Ferri, tutti accusati di aver aiutato l’allora tesoriere della Margherita a mettere in piedi una serie di società utilizzate per il transito del denaro proveniente dalle casse del partito.

Il collegio, presieduto da Ernesto Mineo, ha disposto la nullità del sequestro conservativo (beni mobili e immobili) previsto nella sentenza di primo grado e ne ha ordinato la confisca.




Lascia un commento