Rapina con il botto al postamat di Aielli, i ladri fanno esplodere parte dell’edifico postale e abbattono anche il muro degli uffici comunali



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Aielli – Il boato si è avvertito a Km di distanza dopo che dei ladri incappucciati hanno sfondato con una potente carica esplosiva il postamat di Aielli. I rapinatori sono arrivati alla piazza di Aielli circa alle 3:00 e incappucciati hanno ordinato a delle persone ancora presenti nella piazza di sgomberare la stessa in quanto si trattava di un operazione di polizia dopodiché hanno messo la carica esplosiva hanno fatto detonare il tutto e hanno cercato di portare via i soldi che però si pensa siano rimasti nella cassetta recuperata successivamente dai carabinieri. Sono in corso le verifiche per accertare se i rapinatori sono riusciti a prendere altro.

Nelle esplosione sono stati coinvolti parte gli uffici comunali, infatti il muro a confine dell’ufficio postale è crollato come si vede da alcune delle foto l’ufficio coinvolto e l’ufficio tecnico del comune.

Sembrerebbe che i ladri siano stati ripresi da alcune telecamere.

Aggiornamento:

Rapina con il botto al postamat di Aielli, i ladri fanno esplodere parte dell'edifico postale e abbattono anche il muro degli uffici comunaliL’auto utilizzata dai rapinatori è stata ritrovata in una strada che costeggia la nostra autostrada.
Gli inquirenti conoscevano il modello già da stanotte perché per ben due volte é transitata sotto la telecamera che controlla l’incrocio di Via Musciano. Subito dopo, qualche minuto prima delle tre, è stata ripresa prima a via stazione e poi dalla telecamera sita nei pressi di Fosso Romito. Peccato perché solo per una questione di secondi non è stata bloccata dall’immediato intervento delle forze dell’ordine. Il sindaco ringrazia il responsabile della polizia locale Giancarlo Sociali i carabinieri di Cerchio, di Ortona, di San Benedetto e del nucleo operativo di Avezzano perché si sono catapultati nel luogo dell’accaduto e hanno lavorato, con profonda professionalità.

Il commento del sindaco Enzo Di natale:

Io non ho mai visto nulla di simile, sembrava di essere davanti ad una scena di guerra.
Dalle ricostruzioni che nell’immediatezza abbiamo effettuato insieme alle forze dell’ordine tutto pare sia successo in pochissimi minuti: l’arrivo dei tre balordi in passamontagna, la loro scaltrezza nel far allontanare le due ragazze presenti in piazza dichiarando che era in corso un’importante operazione di polizia, la telefonata immediata al 112 delle due ragazze insospettite dai fatti, il boato dell’esplosione e la fuga.
Dopo nemmeno 10 minuti tre pattuglie dei carabinieri erano già presenti sul posto per cercare di individuare i responsabili del gesto.
Ma, ripeto, tutto mi è sembrato organizzato nei minimi dettagli.
Siamo di fronte a professionisti del crimine e per fortuna nessuno si è fatto male.