Processo Cam-Tedeschi, M5S: “Avezzano e Comuni soci si costituiscano parte civile”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – “Speriamo vivamente che Comuni e nuova direzione del CAM si costituiscano parte civile al processo che inizia domani 17 aprile contro l’ex Amministratore Delegato Gianfranco Tedeschi e una sua collaboratrice. Si tratta di un’azione necessaria per fare la massima chiarezza sull’acquisto della sede del CAM per quasi due milioni di euro, poi trasformata in uffici con la spesa di circa un altro milione. In prima fila ci aspettiamo che ci sia il Sindaco De Angelis, a rappresentare Avezzano quale maggiore azionista del CAM”. E’ quanto afferma in una nota il consigliere comunale del M5S Francesco Eligi.

“Sarebbe l’occasione per dimostrare che quella necessaria azione di trasparenza già iniziata, a suo dire, con il rinvenimento di 13 milioni in più di debito, non è solo un’operazione di facciata.  La “gaia gestione” del CAM è nota a tutti e il modo in cui si sono accumulati 100 milioni di euro di debito lascia intendere una chiara negligenza di tutte le amministrazioni marsicane socie del consorzio che si sono avvicendate negli anni. Nessuno dei Comuni  ha controllato come si spendevano i soldi dei loro cittadini”.

“Domani vedremo se qualche Sindaco avrà avuto il coraggio di rompere la catena e schierarsi dalla parte del bene comune. Anche per non rischiare veloci archiviazioni e far luce su una trattativa costata quasi 3 dei 100 milioni di debiti accumulati.  Diversamente prepariamoci a un ulteriore peggioramento dell’ente acquedottistico”.




Lascia un commento