Castello baronale dei Colonna occupato da soldati spagnoli
La congiura del governatore di Avezzano in un contesto sociale corrotto e instabile (1680-1688)
Nel regno di Napoli e nella Marsica, come andiamo affermando, gli accordi tra viceré spagnoli e poteri feudali per il controllo delle risorse del territorio appaiono, per gran parte del Seicento, come...
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Tagliacozzo – La Porta dei Marsi di Tagliacozzo è uno dei luoghi iconici del paese marsicano. Si tratta di uno dei cinque ingressi medievali che consentivano l’accesso al borgo. Nell’immagine...
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Opi – Il 3 aprile del 1993 si tenne, a Pescasseroli, capitale del Parco, una conferenza dal tema: “La scoperta del primo giacimento di vertebrati fossili nel Parco”. Per la verità la scoperta fu...
Oltraggio del Gran Contestabile Sciarra Colonna al papa (lo schiaffo di Anagni)
Escrescenze del lago di Fucino, l’architetto Fontana e il Gran Contestabile Sciarra Colonna (1680-1683)
Per ragioni di spazio, pur omettendo numerosi altri episodi che determinarono la vita socio-economico-politica del territorio in questione, occorre accennare a fatti importanti con gradi diversi e sotto...
Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina
La fine della "Università degli Artigiani": dal Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina all'oblio totale
Pescina – Era il periodo post bellico, correvano gli anni ’50, e fu allora che la Pontificia Opera Assistenza del Vaticano, la concattedrale dei Marsi, Santa Maria delle Grazie, con l’allora...
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino
Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno...
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
Cerca
Close this search box.

Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio

Opi – Il 3 aprile del 1993 si tenne, a Pescasseroli, capitale del Parco, una conferenza dal tema: “La scoperta del primo giacimento di vertebrati fossili nel Parco”. Per la verità la scoperta fu fatta all’infuori nell’area Parco, nella zona di Scontrone, piccolo centro montano nelle vicinanze di Alfedena, l’antica Aufidena Sannita.

Presero parte al convegno, oltre all’Ente Parco, il Comune di Scontrone, l’allora Comunità Montana Alto Sangro e Altopiano della Cinquemiglia, la Soprintendenza Archeologica di Chieti e il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa. Che l’Abruzzo sia Regione preistorica lo dimostrarono i molti ritrovamenti di selci paleolitici, avanzi neolitici e avanzi umani che lasciarono credere ad una civiltà cavernicola. Le vestigia dell’età del ferro sono di carattere essenzialmente funebre, così fu detto.

Il territorio del Parco, non è stato, o è stato solo in parte, interessato da programmi di ricerca storico-archeologica, ad esclusione di pochi interventi di scavo effettuati prevalentemente sui limiti della fascia di protezione esterna (grotte di Achille Graziani, il Riparo del Fauno, Amplero, Alfedena, e molte altre zone sono rimaste inesplorate).

La ragione di tale mancanza è da attribuire, fu detto dai convegnisti, a una generale tendenza a considerare il Parco come oasi di bellezze naturali. A favorire questo fenomeno c’è una storiografia, molto spesso, superficiale e fantasiosa.

Al convegno che si tenne a Civitella Alfedena nel maggio 1987, dibattito promosso dalla Pro loco di OPI e organizzato dall’Orsa, vennero fuori molte notizie interessanti circa le popolazioni Italiche. Gli insediamenti, le relative necropoli e la quantità di reperti hanno definitivamente cancellato l’immagine di popolazioni rozze, montanare e dedite solo alla pastorizia. Le genti del Parco emergono ora alla luce della storia con il proprio patrimonio culturale, in attesa di essere conosciuto dall’uomo moderno, così come conosce il Parco, come natura.

Tra le personalità presenti al quel Convegno, oltre naturalmente dell’allora direttore del Parco, Franco Tassi, c’erano il prof. Umberto Crescenti, rettore dell’Università “Gabriele D’Annunzio” di Chieti, il dott. Paul Mazza del Dipartimento di Geologia e Panteologia dell’Università di Firenze, il dott. Giuseppe Aruta dell’Università di Firenze, il dott. Marco Rustioni, anch’esso di Firenze, Giorgio Boscagli del Centro Studi Ecologici del Parco, la prof.ssa Patacca Etta del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa e la dott.ssa Maria Rita Sanzi, inoltre Rossi e Agostini dell’Università di Chieti.

Concluse la conferenza il prof. Antonio Praturlon della cattedra di Geologia di Roma. Questi alcuni dei testi delle relazioni trattate al convegno: “Il Parco come stimolo e integrazione tra conservazione e ricerca”, “La Geologia per l’Abruzzo”, “Fauna di Scontrone, faune miocene Italiane”, “Caratteri stratigrafici del giacimento di Scontrone”. Alla fine del dibattito si affermò che prima del lupo e del camoscio, abitava queste parti d’Abruzzo il cerbiatto a cinque corna.

Si trattava di 10 milioni di anni fa e concludiamo con le parole di un manoscritto di Leonardo da Vinci: “Tutti gli animali che anno l’ossa dentro alla loro pelle che sono stati coperti da fanghi de’ diluvi de’ fiumi discosti a l’ordinari letti improntati e rinchiusi in tali fanghi…inconsumata la lor carnosità e intestine e sol nel restare l’ossa discomposte nel fondo della cavità…il fangho se risecho dell’umido acquoso e piglia l’umido vissioso e fassi pietra rinchiudendo cose che in lui si trova”.

LEGGI ANCHE

L'ululato dei lupi, lo spettacolare video di Fabrizio Cordischi per Rewilding Apennines
PHOTO-2024-06-14-10-10-17 (2)
Pescasseroli Comunità Energetica Rinnovabile: oggi incontro formativo e conoscitivo per cittadini, imprese e istituzioni
"
celano feste
Festiv’Alba 2024, come acquistare biglietti o abbonamenti
donare sangue avezzano terremarsicane
Festeggiamenti del Sacro Cuore a Celano, si parte stasera con il concerto di Francesco D'Aleo
Annalaura Lacalamita
bando concorso terremarsicane
Parco Sirente Velino terremarsicane
Pouring water from jug into glass on blue background
Manutenzione straordinaria sulla linea Avezzano - Pescara
Maria Assunta Oddi
Nasce in Abruzzo il primo Parco europeo dei Borghi del Respiro: comprenderà i 22 borghi del Parco Sirente Velino
Nasce una colonia felina a Forme di Massa d'Albe
Sostegno all'agricoltura: fondi per l'emergenza Peronospora e per l'abbattimento dei tassi di interesse
Inciviltà nel parco giochi di Tagliacozzo, "assediato" da ragazzi che giocano a pallone: bambini piccoli e genitori costretti ad andarsene
Rivoluzione nella terapia dell'AIDS presso l'Ospedale dell'Aquila: un'iniezione bimestrale al posto della pillola quotidiana
Rocca di Botte celebra San Pietro eremita con l'apertura estiva della sua casa natale
Buona partecipazione alla Giornata ecologica a Civita d'Antino, il Comune: "Nei prossimi giorni saranno installate nuove telecamere"
Messa in ricordo di madre Maria Teresa Cucchiari, fondatrice delle Suore Trinitarie e Serva di Dio
Torna il Giardino Letterario ad Avezzano: si parte nel fine settimana con due romanzi gialli
Agisci in fretta l'ictus non aspetta, il 29 Giugno screening gratuito a Canistro

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.