Approvata la mozione a tutela della sanità pubblica territoriale e delle funzionalità del presidio ospedaliero “Umberto I”, plauso del Gruppo Consiliare “Tagliacozzo Unita”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Tagliacozzo – A margine del Consiglio comunale sulla sanità, Vincenzo Montelisciani e Romana Rubeo, consiglieri comunali del gruppo Tagliacozzo Unita, esprimono soddisfazione per il lavoro svolto insieme al gruppo di maggioranza e ringraziano i colleghi consiglieri comunali per l’approvazione della mozione a tutela della sanità pubblica territoriale e delle funzionalità del presidio ospedaliero “Umberto I”.

Abbiamo sempre pensato che su temi come questo non contasse lo schieramento di appartenenza. E lo abbiamo sempre dimostrato con le nostre azioni e le nostre posizioni muovendoci a prescindere dal colore politico dell’interlocutore regionale. E dunque siamo stati ben felici di metterci a disposizione della nostra comunità e della Marsica, dando il nostro contributo fattivo alla redazione e alla approvazione della mozione. Questo, a nostro avviso, è il primo passo che deve preludere a una strategia coordinata di azioni per la tutela e la salvaguardia della salute e della sanità pubblica, che nei prossimi giorni deve prendere corpo e sostanza con ulteriori iniziative. In questa prospettiva, siamo e rimaniamo a disposizione del nostro territorio e delle persone, pronti a fare la nostra parte, nell’interesse di tutti” dichiarano di due consiglieri.

La situazione sanitaria è drammatica e le strutture sanitarie del nostro territorio stanno implodendo. Ormai le pagine di cronaca ci parlano quotidianamente delle situazioni di criticità che vivono pazienti e operatori sanitari. I casi di positività al Covid-19 aumentano esponenzialmente di giorno in giorno e il nostro sistema sanitario territoriale, già compromesso, rischia di collassare definitivamente lasciando scoperta da assistenza sanitaria l’intera Marsica.  Di fronte a questo scenario c’è bisogno di mettere in campo azioni straordinarie, frutto di uno sforzo comune, per riorganizzare la sanità del territorio e offrire risposte efficaci. Vi è stata una generale sottovalutazione della crisi, che ha determinato disorganizzazione e ritardi dei vertici sanitari e politici, e non possiamo più permetterci tentennamenti: servono provvedimenti urgenti, seri e forti. La mozione che abbiamo approvato chiede alle istituzioni competenti – sia politiche che sanitarie – di concentrare ogni energia per evitare il collasso del nostro sistema sanitario. In questo senso, le funzioni del Presidio di Tagliacozzo, a cominciare da quelle offerte dal Punto di Primo Intervento h24, ma anche quelle ambulatoriali e dei reparti, non solo devono essere garantite, ma devono essere implementate con investimenti in strutture, strumentazioni e personale. Altro punto rilevante: con la mozione, il Consiglio comunale chiede alla Regione di rimuovere la situazione di precarietà normativa che investe i Punti di Primo Intervento marsicani e che li condanna alla dismissione a partire dal 2023. Un punto, questo, a noi molto caro, su cui ci eravamo battuti negli anni scorsi senza essere ascoltati, e su cui il Consiglio comunale, oggi, finalmente ritrova l’unità” continuano.

La mozione, inoltre, impegna il Sindaco a coinvolgere e a tenere informato il Consiglio Comunale di tutti gli sviluppi della situazione, di tutte le interlocuzioni, delle iniziative e delle determinazioni che intenderà assumere nell’adempimento del mandato affidatogli, attraverso la convocazione periodica e cadenzata della Conferenza dei Capigruppo” proseguono i consiglieri “Questo sarà il luogo in cui il nostro gruppo consiliare proverà a tenere unito sulle prossime azioni da intraprendere tutto il Consiglio comunale, compreso il gruppo dell’ex Sindaco Di Marco Testa che si è astenuto nel voto sulla mozione. Siamo infatti da sempre convinti che sul tema della sanità ci sia bisogno di fare un fronte comune e di essere uniti. In questo momento di forte crisi sanitaria e sociale lo siamo ancora di più. In questo senso, chiederemo al gruppo di maggioranza e al Sindaco maggiore sollecitudine nell’approntare tutte le misure necessarie per stare vicini ai cittadini. Dopo l’apertura del Centro Operativo Comunale, ora è il momento di adoperarsi per dare la possibilità alle persone che ne hanno bisogno di effettuare tamponi antigenici rapidi, così come stanno facendo a S. Marie e in altri comuni limitrofi, e come hanno chiesto nei giorni scorsi i Consiglieri Rubeo e Colizza. Ciò anche per contribuire alla sfida decisiva del tracciamento dei contagi e a quella per piegare la curva epidemiologica” concludono Montelisciani e Rubeo.