Premiata la classe IC della Scuola Primaria E. De Amicis guidata dalla maestra di Avezzano al Concorso nazionale dei Vigili del Fuoco



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Il prossimo 19 dicembre presso l’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” di Roma si terrà la premiazione di “Noi vi vediamo così”, il concorso nazionale indetto dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile per gli studenti delle scuole italiane di ogni età e percorso scolastico.

La classe I C della Scuola Primaria E. De Amicis del Circolo Didattico Silvestro di L’Aquila, guidata dalla maestra avezzanese Emanuela Scipioni, verrà premiata per le sue opere grafiche (tre disegni) e testuali (poesia in rima baciata) eseguite dai giovani studenti durante l’anno scolastico 2017/2018.

Il concorso, indetto in occasione degli 80 anni della nascita del Corpo Nazionale, ha avuto come obiettivo quello di diffondere i valori della sicurezza e della prevenzione tra i giovani.

Il lavoro degli alunni della maestra Scipioni ha onorato i Vigili del Fuoco raccontando ed interpretando al meglio il tema del concorso, facendo emergere la loro visione del corpo dello Stato con semplicità e spontaneità. Alla classe sarà assegnato come premio un buono da utilizzare per l’acquisto di libri o materiale informatico e il suo lavoro sarà pubblicato all’interno del calendario 2019 dei VVF.

Quando è arrivata la notizia di questo concorso mi è sembrata un’ottima occasione per far comprendere  ai bambini l’importanza del lavoro che i vigili del fuoco svolgono  per la comunità. Non immaginavo che avesse un esito tanto felice e che il nostro lavoro fosse selezionato tra le scuole di ogni ordine e grado d’Italia” afferma la maestra Emanuela Scipioni.

Ed ancora: “avevo una classe prima della primaria. Sentivo che comunque si doveva partecipare per far sentire ai vigili il nostro appoggio e la nostra gratitudine per ciò che compiono con incredibile coraggio e generosità, rischiando anche la vita in situazioni  di  emergenza. Devo dire che  i bambini sono in genere molto attratti per questo corpo dello Stato: la divisa e il camion con la scala, i due elementi con cui spesso sono rappresentati l’acqua e il fuoco.  Insomma c’è da sempre una speciale attrazione. Mentre la classe era impegnata nel produrre i disegni da inviare, ho guidato i  bambini nella composizione di una poesia in rima baciata. Il componimento, con grande soddisfazione da parte mia e della Scuola De Amicis della Silvestro di L’Aquila, che ho dovuto lasciare quest’anno essendo titolare fuori Regione (ero in assegnazione provvisoria), è stato selezionato e sarà inserito nel calendario dei VVF 2019. Li accompagnerò comunque a ricevere il premio presso l’aula magna dell’università La Sapienza il 19 dicembre a Roma.”




Lascia un commento