Poesie tratte dalla raccolta “Vivere”

La Battaglia

Stai li
e pensi
rifletti analizzi scruti.
Poi cedi.
Cerchi un conforto
la tua donna la tua casa la tua famiglia
la tua gente i tuoi amici.
Ma tu sei oltre
loro non possono capire non vogliono.
E…ti rifugi lì
nel bel bicchiere di birra
il tuo conforto sempre il solito
la tua birra
fino ad ubriacarti.
Anche questa volta come molte
ti calmi
la tua mente si rilassa si placa.
Un’altra battaglia è vinta.
Ma fino a quando potrai vincere?

Un giorno capirete….i perchè

Quando guardavo nel vuoto
quando sognavo ad occhi aperti
quando ero triste
quando mi mettevo in disparte.
Un giorno capirete….i perchè.
Quando non cercavo il dialogo
quando non ascoltavo chi parlava
quando mi appartavo pensieroso
quando ero eccitato e nevrotico.
Un giorno capirete….i perchè.
Quando il mio alone svanirà
solo allora capirete….i perchè.

La noia

Vivere il presente
per il futuro
sperando soltanto
che torni il passato.

Decisione

Corri
giù per la scarpata
rifletti…forse.
Sei confuso
ma è tardi ormai.
Corre la strada
sotto i tuoi piedi
corre la morte
sotto i tuoi piedi.

Luna

E tu luna
torni ancora
nella mia giovane notte
ed ancora illumini
i miei occhi
come ormai da sempre
come per sempre.
Quando non ci sei
si crea un vuoto nei miei occhi
manchi tu o luna
si la tua assenza si nota
nell’alto del cielo stellato.
Torna io sono sempre qui
su questa sedia
che cigola sempre di più
e le mie braccia
non muovono più.

A…Italo…Giancarlo…Gaetano

E tu strada
ce l’hai portato via
dalle nostre braccia
dalla sua casa
dai nostri cuori
dai suoi cari
dai nostri posti.
Ma tu strada
nulla puoi
per portarlo via dalla nostra mente
perchè il suo ricordo
non può essere portato via.
Berlino 25 Aprile 1987

Rumore di passi
di corsa giù nelle scale
dritto dietro l’angolo
i battiti veloci
nelle tue tempie
il cuore sembra volare via
trattieni il respiro
per non far rumore…
ed aspetti.
I passi si allontanano da te.
Sbotta il tuo respiro
i battiti rallentano
torna la quiete in te
e…ti incammini di nuovo.
Verso la meta
verso il destino
verso la gloria
verso la libertà.

Mamma

Sei il mio terminale per la vita.
Sei il mio conforto quando piango.
Sei l’azzurro nei miei giorni grigi.
Mamma sei.

Ciao

Ciao compagna di giochi
ciao ;unico di vita
ciao gente compagna di percorso
ciao ehi anche a te che non ti conosco
ciao potenti il mio saluto vi porti consiglio
ciao a te che gli altri schivano ti saluto io.
Ciao ciao ciao.
Ciao rondine tu che voli nei cieli
puoi vedere tutti noi dall’alto
ma non giudicarci
non siamo poi cosi cattivi noi uomini.
Ciao handicappato drogato pezzente storpio
anche a voi il mio ciao sincero dal cuore e dall’anima.
Ciao si proprio ciao ciao a tutti
ciao ciao.

A P’scina n’n ne na poesia ma è n’od’

la nasc’ta te ormai s’perd’
ni temp’ si tenp’
n’n si n’ granchè
ma p’ nu ch’ c’iabitem’
si n’ sol’
si n’oasi mezz’ ai desert’
si n’ smerald’ mezz’ all’rocc’.
N’n c’ scurdem’ ch’ la storia a v’lut’
ch’ecch’ a P’scina
c’ nasciss’n’ oltr’ a nu
pur’ personagg’ famos’,
i cardinal’, Mazzarin’
qui ch’ha fatt’ da boss’ in Francia
ai temp’ si.
Silon’ a purtat’ i paes’ nostr’
in gir’ pi munn’.
ch’ l’ storij ch’ha scritt’
chi messagg’ ch’ha purtat’
chi personagg’ ch’ha descritt’.
E’cch attorn’ và p’ nnum’nata
p’ la tramundana,
ma a nu c’ stà bbon’
fa part’ d’ nu,
di paesagg’
di post’ nostr’
d’ la vita nostra:
I turist’ quand’ pass’ n
vid’n’ sol’ i castejj
la Chiesa d’ Santantonij,
la luggetta d’ Mazzarin’,
la tomba di Silon’,
l’ mura ciclopich’,
la pineta,
I fium’ i paesagg’.
Ma n’n vid’n’
quell’ ch’ t’nem nu dentr’ i cor’
jamor’,
p’st’paes’,
p’ st’oasi,
p’st’ smerald’.
Guai a chi c’ la tocca
guai a che c’ la offend’
guai a chi c’ la disprezza
guai,
P’scina n’n s’tocca
scorr’ tropp’ dent’ l’ ven’ nostr’,
P’scina sem’ nu.

Na vota

Na jurnata fredda ch’ la nev’
eva l’ideal’.
‘Nanginata ‘ nganna!
L’ sangu’e sfischieva dap’tutt’
n’ poch’ dagonia
i pò strireva i ped’:
Tutt’ che ch’ stiv’n’ a regg’
faciv’n’ n’ respir’ d’ sulliev’,
“è fatta”
S’ cumingeva lavurà
c’ jittiv’n’ l’acqua bullent’
i pò i rascyiyv’n’
ch’ l’ lam’ di curtejj,
i na passat’ d’ maton’.
Quand’ la cot’ca
eva bella pulita,
jiappicchiv’n’ ajjammer’.
S’guardiv’n’ mbaccia
cumma p’ fars i cumplimend’
i po i p’siv’n’.
I piazziv’n’ precis’
i cumingivn’ a spartucciarj,
iapriv’n’ alla m’tà,
pò eva tutta na seguenza
d’ gest’ tramandat’
d’ generazion’ in generazion’.
Spartuccià n’ prch’
eva n’art popolar’.
La sera quand quand’ tutt’ eva f’nit’,
la carn’ p’ l’ salgicc’ eva s’parata,
l’ v’ndresch’ stiv’n’ sott’ sal,
i pr’sutt’ ‘nzalat’ a sculà;
s’ faceva na bella fr’ssor d’ carn’ fresca
n’ poch’ di fascur’ alla salza
i n’ bbejj bicchier’ d’ vin’
fin’ a tarda sera.
Po i jurn’ appress’
s’ ‘nzacchiv’n’ l’ salgicc.
Ogg’ purtropp’
chi supermercat’
ch’ l’ salumeriy
s’ stà a perd’ sta tradizion’
dall’và i porch’.