Poesie

Testi a cura di Vittoriano Esposito maggiori info autore
DIALETTO CERCHIESE]
ADDORE DE PANE

Cumma e dure le pane ju cafone,
cumma e dura la terra da vanga.
Zappa i vanga relucene a ju sole
ma ‘mpiagane i ‘ncalliscene le mane.

Pe’ fa nasce nu seme sane i beje
tra la cunnela scura de nu sulgre,
ogne ome a da jitta sudore i sangue
i prega sembre Die ch’ogne staggione
revenga cumma amica generosa.

Po’, quann’esce la spica culor d’ore,
isse la sende nasce dendre u core:
sende ji alistri farce u tiche-tiche
i ji sogne che s’evane siccate
se remittene a ride i a farse rosa.

Mendre acciuccate guarda quela terra
repenza all’arca andica che renzerra
nu tesore chiu bianghe della neva;
la lesca grossa ‘n mane a ju cetrije
i la femmena se ch’allegra ‘mpasta
roscia i sudata abbocche a ju camine.

Sende allora ji addore delle pane
i ‘ntenerite i chiu serine penza
a ‘n atre seme doce i beneditte
che tenarra la faccia i ji penzere
i d’amore s’appiccia i arde u core.

FORTE CUMMA ‘NA ROCCIA
(al mio nonno materno)

Forte cumma ‘na roccia marsecana
beje i serine, grosse i curaggiuse
la coccia bianga: ‘na crignera futa
de nu lione, j-occhie doc’i bone.

Carl’Alberte eva u nome i ci eva misse
u padre pe’ dispette a ji Burbune,
ma eva patite po’ carcere i pene.

Eva maestre, nu maestre vere
de quie fatte a mesura pe’ la scola;
la cuscenzia pulita, uneste i calme
poche parole ‘n tutta la jurnata.

Se rizzeva a ju cande de ju galle
i assopre a ju libbre della terra
s’embareva a chenosce la natura,
s’embareva a chenosce ommene i vita.

La sera a cape de ‘na tavulata
diceva ai fije cose belle i giuste
che ‘na vocia rubbusta che ‘ncandeva.

Ma ‘na matina u munne ci-apparette
tutte destrutte da ju tarramute:
fije, casa, parende, tutt’i tutte,
stevane fra le prete ‘nsanguinate.

Remanette ‘na roccia marsecana
all’apparenza ma davendre ad isse
u tarramute eva destrutte sogne,
speranze, gioie i fra quele maceria
l’alma alluccheva i muccecheva u corpe

Ma nen te n’accurijve i ji cetrella
me ce ascideva ai pede pe’ guardarje
i j-occhie me arrubbevane a ji se
i tesure che dendre isse teneva.

Pero a guardarji meje se vedeva
proprie anete a nu piande ‘ncristallite
‘na pena nera senza via de scita.

MARSICA IN NERO

Bianca, innocente,
nel gelido mattino di gennaio
si apri la terra
ed inghiotti la vita.
Lascio poche superstiti creature
su cumuli fumanti di macerie.
Non cantarono piu liete alla fonte
le giovinette scalze,
ne i bimbi sognarono estasiati
ascoltando le favole dell’ava.
Gli uomini ritornarono al lavoro
sopra le zolle
ancora insanguinate.
Il tempo si fermò.
Resto quell’alba
gelida e impietosa
come una lama conficcata al cuore,
e la voce d’un vento sconosciuto
che a tutti ricordava
quei momenti di morte e di dolore.
La Marsica intera prese il lutto
che porta ancora sulle sue ferite.

SI

Si al dolore
quando purifica l’anima;
si alla gioia
quando ci fa sentire il cuore
come pane lievitato;
si al sogno
se ci lascia liberi di trastullarci
nei suoi giardini incantati;
si al ricordo
se non ci fa sentire
soltanto un arco teso al futuro;
si all’amore
perla preziosa
nella conchiglia della carne;
si alla vita e al suo miracolo terreno;
si alla morte
fedele compagna
della nostra solitudine;
si a Dio –
dolore, gioia, sogno, ricordo,
amore, vita, morte –
che ci fa sentire eterni.

ARMONIA DEL SILENZIO

Stanno immote le foglie.
Entro l’atteso sonno
inerti le creature.
Senza grido il dolore,
senza battito d’ala
il cielo immenso.
Risate come fuochi d’artificio
non tingono le ore della notte.
Musica senza note,
canto senza parole
e la voce di Dio che parla agli uomini.
Ed e armonia sublime il silenzio.

Testi tratti dal libro Donna e Poesia oggi in Abruzzo