Piccoli borghi d’Abruzzo, fondi del Pnrr per incrementare l’attrattività turistica



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Abruzzo – C’è spazio anche per i piccoli borghi nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) con una linea di finanziamento che ha l’obiettivo di incrementare l’attrattività dei borghi stessi. La Regione Abruzzo ha intenzione di affiancare dal punto di vista tecnico e amministrativo le amministrazioni dei piccoli borghi che vogliono presentare un proprio progetto.

La linea di intervento, inserito nella misura “Turismo e Cultura”, prevede infatti il finanziamento da parte del ministero della Cultura di un progetto pilota regionale per la rigenerazione culturale, sociale ed economica di quei borghi caratterizzati da un indice di spopolamento progressivo e rilevante. Il progetto pilota verrà selezionato dalla Regione e dovrà essere presentato entro il 15 marzo 2022.

Nel frattempo il ministero della Cultura ha emanato le linee di indirizzo sulle quali poi la Regione dovrà realizzare l’avviso pubblico al quale i comuni dei piccoli borghi dovranno rispondere. In attesa della pubblicazione dell’avviso, la Regione ha aperto una finestra di presentazione del partenariato pubblico/privato nella quale verranno pubblicate le schede.

I confini del progetto di rigenerazione culturale richiesto per partecipare all’avviso pubblico sono molto ampi e danno nuove possibilità ai borghi di avviare e portare a compimento opere ambiziose e di crescita del comune stesso. Si va dal recupero e adeguamento funzionale di strutture esistenti di ogni genere fino alla realizzazione di percorsi turistici e ciclabili; dalla valorizzazione delle biblioteca e dei percorsi culturali fino all’erogazione di servizio di comunicazione e informazione sul territorio.

I comuni interessati possono aderire all’iniziativa e leggere le linee guida del ministero della Cultura collegandosi al link: regione.abruzzo.it/content/pnrr-progetto-pilota-attrattività-borghi

Fonte: Regione Abruzzo