Pescasseroli, a 50 anni dalla morte il ricordo di Saverio Saltarelli, figlio della nostra terra



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Pescasseroli – Il pensiero della storia umana e politica di Saverio Saltarelli ci spinge a ricordare, nel cinquantesimo anniversario della sua morte, la sua ricca e complessa personalità, politica e umana, e il suo profondo rapporto con la storia nazionale. Abbiamo progressivamente messo a fuoco la ricchezza della sua esperienza individuale, collocata in una dimensione che, per le sue varie componenti, assurge a rilevanza storica nazionale. In Saverio ci sono l’Abruzzo, il Meridione e la questione Nord-Sud.

Pescasseroli, a 50 anni dalla morte il ricordo di Saverio Saltarelli, figlio della nostra terraIn Saverio c’è la fase di repentina e drammatica trasformazione, che coincide con il suo trasferimento a Milano, dove già lavorano due delle sue sorelle; c’è l’acquisizione di una civile coscienza di classe legata alla sua terra: a Pescasseroli contribuisce alla costituzione di un collettivo di giovani compagni, orientandoli nella lotta contro la speculazione edilizia e lo sfruttamento della classe lavoratrice precaria e minorile,  gettando le basi per una profonda trasformazione democratica e ambientalista. In Saverio c’è un’ulteriore crescita politica nel turbinio milanese della fine degli anni Sessanta, quando la sua militanza si arricchisce assorbendo i contenuti e le espressioni di una stagione formidabile per l’Italia tutta, e confrontandosi – al liceo come all’università – con le contraddizioni che la società riserva a un giovane immigrato non-omologato, studente e lavoratore, ospite vittima di pregiudizi antimeridionali. Saverio, pur militando nel movimento degli studenti e nella sinistra rivoluzionaria in un momento così alto e moderno della lotta di classe, ha cura e cuore di tessere a Pescasseroli, nei suoi ritorni stagionali, ulteriori relazioni ed esperienze che il tempo non cancellerà.

Pronto a cambiare il mondo e la società, come a fissarne istanti indimenticabili con la sua inseparabile macchina fotografica. Questa è la poliedrica e ricca personalità con cui molti sono entrati in contatto, nel momento in cui l’Italia, e il Popolo, si preparavano a varcare il nuovo decennio, scenario del grande avanzamento sociale, politico e culturale del “biennio rosso”, al fianco degli studenti del ’68 e degli operai del ’69. Ma le forze dominanti non accetteranno pacificamente un’Italia più giusta che sarebbe potuta avanzare, democraticamente, verso il socialismo. Così il nuovo decennio, e l’ultimo anno di vita di Saverio, vennero annunciati proprio a Milano dalla terribile strage di Piazza Fontana della quale, in modo tutt’altro che improvvisato, furono ingiustamente incolpati la sinistra e gli anarchici, nonché i movimenti di massa studenteschi e operai.  A Milano contro di loro scatta lo stato d’assedio e in Italia parte un vero e proprio tentativo di colpo di stato anticostituzionale.

Il coraggio, la lungimiranza e la determinazione politica nello sventare il nuovo tentativo golpista saranno assolutamente decisivi nella storia delle masse popolari. Saverio ha il merito storico di avervi partecipato con entusiasmo e consapevolezza, come attesta la bella foto, qui di fianco, in cui Egli sfila il 31 gennaio 1970 nella decisiva manifestazione dei cinquantamila, a Milano, contro la repressione. Questa lotta attraversa drammaticamente il capoluogo lombardo e l’Italia intera per tutto il 1970. Saverio ne diviene testimone nazionale permanente quando viene assassinato proprio nel primo anniversario della strage di Piazza Fontana, quando i poteri nazionali e imperialisti organizzano la rivincita sulla sinistra reale che ha largamente frustrato i loro piani reazionari, tentando di espugnare militarmente l’Università Statale. L’uccisione di Saverio a Milano il 12 dicembre 1970 ha infatti un’eco nazionale forte e commossa, che parte dalle Piazze e arriva subito in Parlamento. Un’attenzione vigile fino alla conclusione dell’istruttoria, nel luglio del ’75 (nonostante gli ostacoli in ambito istituzionale nell’accertamento della verità) e alla sentenza di condanna in primo grado, pur molto mite, del comandante di reparto dal quale fu sparato, quasi a bruciapelo, il candelotto lacrimogeno omicida.

Avremmo voluto raccontare tutto questo, a Pescasseroli e Milano, con un bel libro. Ci sarebbe piaciuto raccontare di Saverio, della sua vita e della sua opera. Avremmo voluto raccontare del suo funerale a Pescasseroli, e fissare nel tempo il suo ricordo.
Le circostanze legate al Covid 19 ci hanno impedito di farlo. Siamo certi però che le compagne e i compagni, le amiche e  gli amichi di Saverio faranno in modo, con le loro testimonianze e i loro ricordi, che la memoria e il ricordo di Saverio esista a lungo nel tempo.
Una memoria sempre viva che restituisca dopo cinquant’anni la parola a Saverio Saltarelli, con la gioia di sentirla viva e attuale, o addirittura rivolta al futuro, come lo sono i suoi e i nostri ideali, la sua e la nostra volontà di trasformazione democratica, ma rivoluzionaria, della nostra società.
A loro va il nostro sentito ringraziamento.

         Vittoriano Baruffa