Passeggeri si arrabbiano perché autista della TUA crea una zona off limits sul suo pullman per evitare il contagio

L’Aquila – Gli effetti del decreto Conte per contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus incideranno senza dubbio sui comportamenti delle persone, ma d’altra parte non ci sono altri sistemi per difendersi dal contagio. 

L’interpretazione della legge, è sempre un esercizio che lascia ampia discrezionalità, almeno in Italia, così un autista di TUA, l’azienda pubblica dei trasporti regionali abruzzesi, oggi, sulla corsa del pomeriggio, ha pensato di stendere un nastro biancorosso nel corridoio che separa le file dei sedili, realizzando una sorta di zona protetta per se stesso. La cosa ha provocando le rimostranze dei passeggeri che hanno visto ridursi i posti disponibili.

Non si sa se l’iniziativa dell’autista sia frutto di precise direttive aziendali o più, un’iniziativa estemporanea, ma se fossero direttive dell’azienda, TUA dovrebbe prevedere, temporaneamente, un raddoppio dei mezzi per garantire il servizio. Non è possibile che i problemi di questo paese ricada sempre e soltanto sui cittadini.