Sospensione attività didattica della scuola materna di Tagliacozzo, il sindaco Giovagnorio fa chiarezza

Tagliacozzo – Un lungo post del Sindaco di Tagliacozzo Vincenzo Giovagnorio per fare chiarezza sulla motivazione che lo ha portato ieri ad emanare l’ordinanza n. 14 riguardante la proroga della sospensione dell’attività didattica della scuola materna fino a venerdì 9 aprile.

A scopo di chiarificazione e per non dare adito a stupide illazioni e distorte interpretazioni, con l’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Draghi ai sindaci non è concesso chiudere o sospendere l’attività scolastica in autonomia per motivi sanitari, se non previa certificazione da parte della Asl, attestante la gravità della situazione sanitaria del territorio comunale. L’attuale situazione del Territorio comunale di Tagliacozzo, per i dati dei contagiati aggiornati, non è tale da disporre il provvedimento di chiusura o sospensione delle lezioni in tutti gli ordini e gradi” scrive il Sindaco come premessa al suo discorso.

Con Ordinanza n. 14 in data odierna (06.04.2021) ho disposto la proroga della sospensione dell’attività didattica della sola scuola materna fino a venerdì 9 aprile p.v. (compreso). Il provvedimento si è reso necessario poiché, nonostante il calo del numero dei contagiati nell’ultima settimana, la situazione della diffusione del virus pandemico sul nostro Territorio comunale deve essere attenzionata con prudenza. I bambini della scuola materna svolgono attività didattica in presenza senza alcun dispositivo di protezione e non sono soggetti a distanziamento. Per queste ragione potrebbero essere più facilmente veicolo di contagio per gli altri componenti della famiglia. Su disposizioni della Prefettura, a norma del DPCM citato, questa ordinanza deve essere integrata da un parere della Asl che supporti le considerazioni sopra espresse e che è in procinto di essere recapitato in Comune” spiega Giovagnorio.

Per quanto riguarda la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado, poiché gli alunni di queste ultime due svolgono lezioni in presenza con i dispositivi di protezione e attuando il distanziamento interpersonale, non si configurano motivi di preoccupazione, supportati dalla Asl, che prevedano una simile Ordinanza. Nei comuni dove si è disposta la chiusura degli altri ordini e gradi di scuole, le motivazioni sono state supportate da pareri Asl.  Vi ringrazio per la comprensione e Vi invio cordiali saluti!” conclude il Sindaco.