Omaggio a Ignazio Silone, due giorni di eventi a Pescina per sottolineare la forza e l’attualità del suo magistero civile e letterario



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

PescinaIl mondo della cultura rende omaggio a Ignazio Silone, figura di spicco e sempre attuale della letteratura italiana del Novecento, l’indimenticabile autore di romanzi come “Fontamara” e “Il segreto di Luca” e del dramma “L’avventura di un povero cristiano”. Quattro grandi eventi in due giorni, il 25 e il 26 settembre 2021, grazie alla collaborazione fra il Comune di Pescina, dove lo scrittore nacque nel 1900, e il Centro Studi Ignazio Silone.

Il primo appuntamento si svolgerà sabato 25 settembre, alle 17, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, nella Sala Conferenze “Ignazio Silone” al Teatro San Francesco in via del Carmine. Tema dell’incontro sarà “La figura femminile nel mondo rurale abruzzese dal Novecento ad oggi: da Fontamara alla Città delle donne”. Verrà proiettato il cortometraggio “Amara terra mia”, scritto e diretto da Attila Trasciatti e sarà presentato il romanzo “Le deboli” di Flora Fusarelli (Edizioni 4 Punte). Modera e introduce Sergio Venditti, giornalista di “Tempo Presente”, saluti istituzionali di Luigi Soricone, vicesindaco di Pescina. Interventi prestigiosi e autorevoli di: Tiziana Cucolo, presidente del Centro Studi Ignazio Silone, Liliana Biondi, critica letteraria e docente emerito dell’Università de L’Aquila, Roberta Cococcia, assessora alle Pari opportunità del Comune di Pescina, suor Carla Venditti, responsabile della missione Oasi Madre Clelia, e di Rosa Pestilli, vicepresidente della commissione Pari opportunità della Regione Abruzzo.

II giorno dopo, domenica 26 settembre, alle 11, si terrà nella stessa location il convegno “Ascoltiamo Silone: tra memoria, storia e testimonianze”, con gli eccezionali interventi di Romolo Tranquilli, pronipote di Silone, Gino Renzo Palumbo, ex presidente del Circolo culturale Ignazio Silone, e Maurizio Moscardelli. Saluti istituzionali di Mirko Zauri, sindaco di Pescina, e di Tiziana Cucolo, presidente del Centro Studi Ignazio Silone. Modera e conduce Gianni Maritati, giornalista Rai e scrittore. Anche per questo secondo evento l’ingresso è libero, ma si richiede la prenotazione dal 20 al 24 settembre al numero 3293595343 (9-18).

Seguiranno, nella stessa giornata, altri due eventi. Alle 15, nella sala consiliare del Comune di Pescina, verrà conferita la cittadinanza onoraria alla prof.ssa Liliana Biondi, che con la sua intensa attività professionale ha contribuito alla conoscenza internazionale del pensiero e della narrativa di Ignazio Silone, oltre ad essere una presenza costante nel direttivo del Centro studi a lui intitolato.

Alle 16.30, infine, l’evento più atteso, oltre che carico di simboli e significati: l’inaugurazione della Casa-Museo di Ignazio Silone Via Umberto I (ex Via delle Botteghe), dopo lunghi e accurati restauri edili terminati lo scorso anno.

Ora si avrà la possibilità di poter visitare il museo dopo l’ultimazione dell’allestimento architettonico curato dall’architetto Di Genova Raffaele con la collaborazione della Dott.sa Lopardi Antonella, dott.sa Alessandra Mancinelli che fanno del personale della Sovraintendenza d’Abruzzo che si sono occupate dell’allestimento museale e coordinamento in più si è avuta la collaborazione degli archivisti di Stato Martorano Di Cesare e Sebastiana Ferrari che hanno curato il percorso Storico-Documentale e consulenza scientifica.
Evento che con la sua notevole importanza ricade nelle giornate europee del patrimonio.

Sarà l’occasione per visitare il luogo natale del grande scrittore abruzzese, che sarebbe sempre rimasto profondamente legato alle proprie radici, base del suo magistero etico, civile e letterario.