Oggi è la Giornata Mondiale delle Api, un insetto bellissimo e indispensabile sempre più in pericolo



Oggi ricorre la Giornata mondiale della api, istituita nel 2017 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e da allora si celebra ogni anno il 20 maggio.

L’obiettivo di questa giornata è riportare all’attenzione sull‘importanza delle api e in generale di tutti gli impollinatori, api, vespe, farfalle, coccinelle, ragni, rettili, uccelli, finanche mammiferi, per la sicurezza alimentare, la sussistenza di centinaia di milioni di persone e per il funzionamento degli ecosistemi e la conservazione degli habitat.
Le api, sono sempre più minacciate dalle attività umane. Insetti, pesticidi, cambiamenti nell’uso del suolo possono ridurre i nutrienti a loro disposizione e rappresentare quindi una minaccia per le loro spesso numerose colonie, di conseguenza anche l’esistenza di molte colture e la sicurezza alimentare di centinaia di migliaia di persone.. 

La celebrazione di questa Giornata ha diversi obiettivi:

  • attirare l’attenzione della popolazione mondiale e dei politici sull’importanza della protezione delle api;
  • ricordare che l’umanità dipende dalle api e da altri impollinatori;
  • proteggere le api ed altri impollinatori per contribuire in modo significativo alla soluzione dei problemi legati all’approvvigionamento alimentare globale e per eliminare la fame nei paesi sviluppati;
  • fermare la perdita di biodiversità ed il degrado degli ecosistemi in modo da contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Cosa possiamo fare, in un giardino o un balcone tranquillo non usiamo per nessuna ragione insetticidi chimici! Creiamo delle “aree salva-api” dove le api e gli altri insetti impollinatori possano trovare rifugio e polline per nutrirsi. Seminiamo fiori “amici delle api” nel giardino, nell’orto, sul balcone. Sono molte le piante e i fiori apprezzati dalle api, ecco alcune delle specie che possono fornire buon cibo a questi operosi insetti: calendula, erba medica, coriandolo, cumino, borragine, aneto, sulla, girasole, finocchio, lavanda, veccia, malva, timo e rosmarino.
Scegliamo semi biologici e di varietà differenti. In commercio esistono diverse selezioni con relative indicazioni per la semina: un gesto concreto che non solo aiuta le api, ma migliorerà anche la salute e la fertilità del terreno.




Leggi anche