t1

Comune di Avezzano

t2

minnichènne
minzignóre
miràquele
mìsse
mìttele
mìttete
mmagginà’
mmalatìe
mmaledìtte
mmaletémbe
‘mmàne
mmàste
mmatìna
‘mméce o imméce
‘mmése
mmesùre
‘mmitiàte
mmì
‘mmìtia
‘mmócca
‘mmòte
mmutìna
moccecàta
moccecàte
monnézza
montétte

mócceca
móccechene
moccechéte
moccechétte
mòfa
mójiema
mójieta
mòre
mòrge
Morràne
mórra
‘mpajiuchì’
‘mpallidìta
‘mparà’
‘mparàte
‘mparatìse
‘mparétte
‘mparupìta
‘mpattéme
‘mpazzì’
‘mpazzìsse
‘mpelàte
‘mpétte o ‘mbétte
‘mpiacàte
‘mpiandàte
‘mpiastrà’
‘mpicciàte
‘mpìcci
‘mprofumàte
‘mprudénzia
muccelósa
mùcche
mùcciche
Mujìne
mujìquie
mulenàre
mùnne
murì’
murìtte
murzàcchie
mùste
mùvete
na
nammése
napeletàni
Nardéjie
nascùnnene
‘ncacià’
‘ncàpe
‘ncapunìta
‘ncazzà’
‘ncazzatùre
‘ncé
‘ncènne
‘ncènne o ‘ngènne
‘ncennéva
‘nciànfriche
‘ncìma
‘ncipàte
‘nciucìte
‘ncócce
‘ncòccia
‘ncójie
‘ncollà’
‘ncòllate
‘ncomenzà’
‘ncomenzérne
‘ncontràte
‘ncórpe
‘ncozzecàte
‘ncràzia
‘ncrudelìti
‘ncùie
‘ncumincéte
ndàcchia
ndondelùne
‘ndroelà’
‘nduvinà’
nepóteme

‘nfàccia
‘nfamìjia
‘nfantijiòle
‘nfilà’
‘nfónne’
‘nfórne
‘nfregnàta
‘nfrociéva
‘nfutìsce

‘ngànna
‘nghiàtrene
‘ngìma
‘Ngiulìne
‘ngòlla
‘ngròlia
‘ngrufà’
‘nguaiàte
‘nguastìte
‘nguastitùra
‘nguastìvve

‘ngùdena
‘ngùstia
nichèlle
nìre
nisciùne
nìvia
nnacquanìte
nnammése
‘nnànze
‘nnocènte
‘nnocénzia
nnù
nóne
nonnà’
nònneme
notà’
‘nquàcchie
ntàcca
‘ntànte
ntartajiaménte
ntartajióne
‘nté
‘ntémpe
‘ntìgni
‘ntommacàte
‘ntórne
‘ntrà’
‘ntramìnte
‘ntreccòce

‘ntrùjie
‘ntruppechìvi
‘ntrùppechi
‘Ntunine
‘ntùtte

nùdie
nùmmere
numminà’
nùtele
‘nzaccà’
‘nzaccòccia
‘nzallìta
‘nzalloccàti
nzà
‘nzànda
‘nzanguelendàte
‘nzardà’
‘nzegnà’
nzégna
‘nzémmia
‘nzerrà’
‘nzerrétte
‘nzinènte
‘nzìsti
‘nzómma
‘nzò
‘nzubbùjie
‘nzurtà’
‘occalone
‘ó’
‘ócca
‘occóne
‘óce
oddì’
‘ójie
‘ólepa
‘olésse
‘olétte
‘oléva
‘ò’
òme
ómmeni
òne

 


mendicando, girovagando senza meta e senza ragione
monsignore
miracolo
messo
mettile
mettiti
immaginare
malattie
maledetto
cattivo tempo
in mano
basto
mattino mattina

invece
in mezzo
misure
immediatamente
mio
invidia
in bocca
modo
fagotto, involto contenente normalmente cibarie
morsa
morsicato
immondizia
montò
adesso
morde
mordono
mordete
morse
tipica malattia del coniglio
mia moglie
tuta moglie
muore
sasso grande ma non tanto da non poter essere scagliato
località posta a sud-est di Avezzano
molti o molte, un piccolo gruppo di pecore
divenire del colore della paglia,ingiallire
impallidita
imparare
imparato
in paradiso
imparò
impaurita
pareggiamo
impazzire
impazzirsi
che ha messo i primi peli
nel petto
con le piaghe
impiantato
sporcare, spargere disordi-natamente vernici, rifiuti, sporcizia od altro
impicciato, compromesso
impicci
improfumato
imprudenza
adolescente che ha ancora le narici piene di muco
muso
morso
Monte Velino
ombelico
mugnaio
mondo
morire
morì
bavaglio per equini
mosto
muoviti
una
in mezzo
napoletani
Nardelli, già preside del locale liceo classico e sindaco della città
nascondono
cospargere un cibo di formaggio(cacio)
in testa, sul capo
intestardita
adirarsi
l’essere adirato
non ci, non ce
che da prurito,irritazione
avvertire bruciore a causa di ferita o dolore per battitura
avvertiva o aveva bruciore o dolore
sottintesi in modo che non tutti capiscano
in cima, sù, sopra
aggrovigliato
inebetito, insonnolito
suono caratteristico di una suppellettile di coccio lesionata
in testa
sul collo
caricarsi
càricati sulle spalle o sulla testa
incominciare
incominciarono
incontrato
in corpo, dentro di se, nelle viscere
sudicio
nella grazia
crudi
nel sedere
incominciate
tacca
in modo dondolante
intorbidire
indovinare
mio nipote
uno, un
in faccia, di cui sono proprietari, di fronte
in famiglia
epilessia
infilare
bagnare
inforno
adirata,irritata,su di giri
sbattere il muso o le froge, scontrarsi inavvertitamente con qualcuno o qualcosa
diventare denso
nella gola
l’essere rigido per il freddo
in cima
Angelino
mettersi sulle spalle
in gloria
teso verso il lavoro e la fatica
inguaiato
adirato, teso, nervoso, arrovellato
stato nervoso, l’essere tesi a causa di qualcosa o qualcuno, arrovellamento
adirarvi, innervosirvi, arrovellarvi
incudine
angustia
piccole monete di “nichel” di modesto valore
nero
nessuno
indivia
annacquato
nel mezzo
innanzi, avanti
innocente
innocenza
noi
no
cullare
mio nonno
nuotare
imbroglio, guaio
tacca
intanto
l’atto del balbettare
balbuziente
non ti, non te
in tempo
intingi
livido e dolorante per le botte avute
intorno
entrare
nel mentre
sbollentare,immergere per poco tempo nell’acqua o nell’olio bollente
intruglio
inciampavi
intoppi, inciampi
Antonino
completamente
noi
nuvole
numero
nominare
inutile
mettere nel sacco
in tasca
in salita
pieno di grumi
non sa
in santa
sanguinante
azzardare
indicare, additare
un po’, ìndica, àddita
insieme
chiudere con chiavistello
si chiuse in casa mediante serratura, chiavistello
sino a
insisti
insomma
non ho, non sono
in subbuglio
insultare
ingordo, insaziabile
vuoi
bocca
boccone
voce
oh, Dio!
olio
volpe
vorrebbe
volle
voleva
vuole
uomo
uomini
hanno, sono, vogliono

avezzano t2

t4

minnichènne - òne

t3

avezzano t4

t5