Mercato di Avezzano, Casale (Liberi e Uguali) “ritornare su una decisione sbagliata e soprattutto a prendere decisioni con il consenso delle persone che lavorano”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Riceviamo e pubblichiamo il duro commento diffuso attraverso una nota stampa di Mario Casale (Liberi e Uguali), sullo “sviluppo” del mercato di Avezzano nella zona nord della città.

Così Mario casale:

Oggi al mercato c’erano soltanto molte “vele” di candidati destrorsi e fascistoidi a certificare con la loro presenza le responsabilità della giunta municipale e del suo sindaco“.

“Pare che l’Italia sia in recessione “tecnica”, ma questi candidati spendono un sacco di soldi per la pubblicità personale, con inflazione di volti tutti sorridenti. Ma perché ridono? Il mercato del sabato va male e loro ridono. Insomma un pò di ritegno! E’ una pessima pubblicità alla vigilia del voto regionale. Può anche starmi bene ma perché accanirsi tanto contro commercianti ambulanti e cittadini? Il centro della città, devastato dalla pista ciclabile, dalla riduzione dei parcheggi e dal gelo della fontana, con l’abbandono del mercato del sabato è di una tristezza infinita.

L’esperimento di qualche settimana rischia di diventare una decisione fallimentare per l’amministrazione di destra, ma soprattutto una decisione negativa per i commercianti ambulanti che si ritrovano ormai con un mercato del sabato inesistente e con un bilancio che vanifica anni di sacrifici e di lavoro.

Egr. sindaco, dall’alto della sua intelligenza, convinca la sua maggioranza di destra a ritornare su una decisione sbagliata e soprattutto a prendere una decisione con il consenso delle persone che lavorano”.