Marco Marsilio sul Green Pass: “sarebbe più onesto imporre l’obbligo con assunzione di responsabilità risarcitorie”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – Il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, diffonde online una nota relativa alla sua personale opinione a proposito dell’obbligo di Green Pass che, come sappiamo, sarà esteso a tutti i lavori, dei comparti pubblici e privati, a partire dal 15 ottobre 2021. Questa la dichiarazione di Marsilio:

Trovo una contraddizione insanabile tra la ‘moral suasion’ invocata per preservare la facoltatività del vaccino e le restrizioni con relative sanzioni imposte a chi non lo fa (tra cui la sospensione dello stipendio e dei contributi). La ‘persuasione’ è un’altra cosa, e si fa (come anche invocato dal presidente Zaia) con poderose, chiare ed efficaci campagne di informazione capaci di sciogliere dubbi e perplessità.

Certo, nessuno convincerà mai i paranoici che pensano che con il vaccino si inietta grafite o altre sostanze attivabili con le antenne del 5G per controllare le coscienze… ma quello è un mondo marginale e poco significativo numericamente. Ma i tanti che sono nella zona grigia della confusione o dell’incertezza, quelli si possono ‘recuperare’ e convincere.

Si sta scegliendo, invece, di fare di tutto per non imporre l’obbligo per paura del ‘conflitto’ che genererebbe, ma temo che il conflitto che si sta creando con questa scelta possa essere anche peggiore. Sarebbe più onesto, lineare e meno conflittuale imporre l’obbligo, con conseguente assunzione delle responsabilità risarcitorie in caso di effetti collaterali gravi (rari ma purtroppo esistenti). Obbligo che oggi vige per una serie di vaccini relativi a malattie attualmente molto meno pericolose e presenti del Covid.

Non fare la scelta dell’obbligo ma ‘costringere’ chi non vuole fare il vaccino rendendogli la vita impossibile alimenta il legittimo sospetto che lo Stato non voglia imporre l’obbligo per non accollarsi gli eventuali risarcimenti. E questo argomento non può non alimentare sospetto e incertezza in una parte non marginale della popolazione“.