13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona il 18 Luglio 1888: per la prima volta il treno attraversò la Marsica
Inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona il 18 Luglio 1888: per la prima volta il treno attraversò la Marsica
Marsica – L’inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona nel 1888 fu un evento di grande importanza per l’Italia perché segno un passo fondamentale nello sviluppo delle infrastrutture di trasporto del...
Cerca
Close this search box.
Home » Terza pagina » Quell’illustre sconosciuto: l’uomo primitivo

Quell’illustre sconosciuto: l’uomo primitivo

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelo Pietrangeli
Angelo Pietrangeli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Pietro Mazzulli
Pietro Mazzulli
Vedi necrologio

È solito dedicare libri ed articoli a quegli uomini famosi che hanno segnato la nostra storia. Ma ce ne sono stati tanti di cui non se ne conosce le generalità, né dove hanno vissuto, né quando precisamente, che sono stati grandi e decisivi per la nostra evoluzione: lo scopritore della pietra focaia, dell’ossidiana, del sale da cucina, il primo navigatore, il primo che impiegò un animale nei trasporti o che costruì una ruota, che inventò l’ago, il telaio, l’arco, la zappa, la lavorazione dell’argilla, e si potrebbe continuare per ore. Perfetti sconosciuto, uomini e donne, ai quali l’umanità deve molto.

Ma com’era la giornata del nostro primitivo antenato? Si può supporre che il nostro uomo fosse nato in Europa, magari proprio qui nella Marsica, tra i 20.000 e i 10.000 anni fa. Egli conosceva la donna che lo aveva generato perché lo aveva nutrito, riscaldato, vestito, portato sulle spalle durante le lunghe migrazioni delle tribù, ma del padre era incerto se non che fosse uno dei cacciatori della tribù. Gli uomini vivevano una vita in comune tra loro, separata da quella delle donne e dei bambini. Erano i cacciatori e costituivano la forza e l’intelligenza della tribù. Erano loro che procuravano il cibo affrontando le belve, che decidevano e guidavano le migrazioni, che combattevano contro i predoni.

Le donne e i bambini vivevano alle dipendenze, rassegnate e umili. Non esistevano vecchi: la vita era così dura che si moriva presto. Il nostro illustre primitivo crebbe vivendo in comune con gli altri bambini, in attesa di diventare abbastanza grande da essere cacciatore. Osserò gli uomini, li seguì, imitò, fu la sua scuola. Solo un uomo si occupò di lui, lo stregone, più stimato di un cacciatore e più sapiente, più misterioso, con strani poteri magici:l’unico in grado di curare le malattie, di propiziare la caccia, di leggere le stelle, tenere il conto delle lune e delle stagioni, memoria della tribù. E fu proprio lui che istruì il nostro uomo, lo trasformò in cacciatore, sottoponendolo alle prove di coraggio.

Dura, terribile era la vita dei cacciatori. Sempre in cerca di cibo, sempre in lotta con gli animali, il freddo, le intemperie, le foreste, le insidie della natura. Brevi momenti di riposo dove mangiavano da scoppiare, poi di nuovo a lavoro, a battere selci per modellare asce, lance, coltelli, foggiare bastoni, a legare con le budella degli animali gli utensili di pietra ai manici di legno. Le donne aiutavano ma anche loro avevano il loro da fare tra allevare figli, raccogliere radici e bacche, far provvista di legna, mantenere il fuoco acceso, cucinare il cibo, affumicarlo per l’inverno, conciare pelli, confezionare indumenti e calzature. . . Questo ci fa supporre che forse fu proprio una donna a fare quelle piccole scoperte per noi così importanti. Anche il nostro uomo ebbe una compagna ed ebbe molti figli, pochi divennero adulti. Ma a qual tempo veniva presto la fine: rari erano quelli che superavano i 40 anni.

Ed anche il nostro illustre primitivo morì giovane, forse ferito da una belva, o da una caduta in un crepaccio, o logorato dalla fatica o divorato da una tribù antropofaga. I compagni gli fecero un funerale degno di un cacciatore. Il suo corpo fu tinto di rosso con polvere d’ocra per ridargli il sangue perduto; le sue gambe furono legate, perché non potesse tornare a molestare i vivi, poi con le ginocchia piegate al petto fu deposto in una buca, nell’atteggiamento di dormire.

Attorno gli furono deposte le armi, i suoi strumenti di pietra perché li usasse anche nell’aldilà. Poi tutto fu coperto con un tumulo di pietra. Ne lapidi a ricordarlo, ne riconoscimenti, ne gloria, eppure a lui dobbiamo il nostro agio, perché i suoi furono i primi passi verso il progresso.

PROMO BOX

FB_IMG_1716223877738
pietrucci-pierpaolo
WhatsApp Image 2024-05-20 at 12.48
60 mila prodotti contraffatti finiti sotto sequestro grazie alle indagini eseguite dalle Fiamme Gialle
Pescasseroli si prepara alla magnifica infiorata del Corpus Domini, i lavori prenderanno il via il 1° Giugno
Cammino dell'Accoglienza, 3 giorni di trekking dalla Valle Roveto ad Avezzano attraverso la montagna di Luco e la cresta del Salviano
L'antica Torre medievale di Collarmele è interessata da lavori di manutenzione straordinaria
Avezzano si prepara a commemorare le circa 100 vittime civili del bombardamento del 1944
Comune di Capistrello
Lavoro agricolo di qualità e lotta al caporalato: istituzione della Sezione Territoriale della rete nella provincia dell'Aquila
Alone luminoso intorno al sole: il particolare fenomeno ottico in una foto di Arturo Di Felice
Diversi atti vandalici registrati a San Benedetto dei Marsi, sindaco Cerasani: "Abbiamo raggiunto il limite, faremo denuncia"
IMG-20240520-WA0003
Il 20 Maggio è la Giornata Mondiale delle Api, fondamentali rigeneratrici di biodiversità
FIAB L’Aquila "Più Bici in Città" propone la Pedalata per Alfonsina Strada, in memoria dell'impresa al Giro d'Italia 1924
Il trasaccano Biagio Venditti protagonista, insieme a Diego Abatantuono, del film "L'ultima settimana di settembre"
Cammino dei Briganti
FB_IMG_1716189675115
Nuova opera street art a Pescocanale, il Comitato Feste 2023 regala un murale dedicato ai migranti
WhatsApp Image 2024-05-20 at 08.28
688A1481-1536x1024
Sandro Di Addezio, presidente UNPLI Abruzzo
valle
WhatsApp Image 2024-05-19 at 19.18

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelo Pietrangeli
Angelo Pietrangeli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Pietro Mazzulli
Pietro Mazzulli
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina