Le Poesie

Il libro: Sprazzi Giovanili

Nota introduttiva
Venti componimenti in versi, due in prosa dialogata: ecco quanto qui si raccoglie d’una vita stroncata inesorabilmente, sul fiore degli anni, da un male improvviso e incurabile.
Siamo di fronte a quello che si dice un documento umano più che letterario, che può quasi assumere il significato di un testamento spirituale: pagine scaturite da un esercizio ai confini tra il gusto dilettantesco e l’urgenza vocazionale, stranamente intrise piìi della fatica che della gioia di vivere, a riprova d’una maturità di coscienza precocemente acquisita.

Sarà appena il caso di rilevare che, sotto il profilo puramente tecnico, la silloge presenta carenze d’ordine vario, specialmente ortografiche e metriche; ma occorre anche aggiungere che le motivazioni di fondo, così come i moduli espressivi, sono attinti quasi sempre dal vivo della realtà e della parlata locale: ed è ciò che più importa, ai fini della poesia cosiddetta dialettale, quella almeno che tende ad essere specchio dei sentimenti personali e delle istanze di un’intera comunità.

Il dialetto di Collarmele aveva trovato il suo “cantastorie”, spontaneo e insieme pensoso, svagato eppur malinconico. Ed è un vero peccato che la morte lo abbia strappato così presto ai suoi fragili sogni di vita e di poesia.

Vittoriano Esposito

Alcune poesie:

LA SQUADR D JU C O LL

Finalment pur u Coll
tè na squadr d pallon,
i nu pubbl-c ca n moll
ogni sua esibizion.

O in cas, o in trasfert,
la d-men-c tutt all’ert,
p s-guì con passion
i fort atlet d’Agostinon.

O s vengj, o s perd,
n ‘nz r-sparmj nu neroverd;
s fann sempr recriminazion
da ju portier a Cotturon.

Va sott’accus p prim Ris
s la retroguardj va in cris;
s’ogni cos s rappian
s dà mer-t a Ciprian

c spazz dall’arj ogni pallon
c j’ausilj d Taccon,
ed l’al nsegul’orm
pari pass d’Antidorm.

P j’avversarj n ‘ngj sta scamp
s s conquist u centro-camp;
tutt gir id è important
s sta in form pur Morgant,

c’ad ogni partit fa d norm
quattr fint cumm’Antidorm;
hann effett d lu yin
quand corr D’Agostin

vinti metr d falcat
i j’avversarj lass arret,
cross a Prosj c d t-stat
anticj-p tutt i mett in ret.

Salt in arj i cj s’abbraccj,
è na fest tra giocator,
i tra u pubbl-c spettator
ca fa u nom d Mostaccj.

Cap-t sempr la jurnata schiort
ca n ‘nz rescj a cj-ntrà la port;
s tent allor la sorpres
mannen in camp Calabres,

c d l riserv è la più in form
insiem a Ciprian i Antidorm.
Tutt quist è nu compless
orchestrat senz’interess,

i va ‘nnanz quascj a stent,
p la fingardità d certa gent
ca s rend alquant prepotent
p n ‘npagà a stu divertiment;

sper sempr a ju finanziament
ca scess dall saccoccj d ju president,
c lavor c ju direttiv in armonij
p purtà la squadr in II categorij. LA DELUSION

Si stat tropp esagerat
c ‘nchi t’ha v-nut appress,
prim t si lusingat,
po’ si passat da cess.

Ev soltant na scus
quell d’ess occupat;
si soltant illus
chi t’ha curtiggiat.

Cj si dat n’ogn d sp-ranz,
cj si fatt tuccà u ciel c nu dit;
cj si fatt capì cu ev la vit,
i tutt c na vot pij i ji scanz.

P nu fut-l mutiv,
o p na stup-da sciocchezz,
cj si res u cor priv
d tanta cunt-ntezz.

D felicità si dat segn
ad att-m d debolezz,
si dat spazj alla stanchezz,
sol la consolazion un-ch sostegn.

T’ev ammirat u personal,
t’ev cunsiderat sentimental;
m n’ev accort p ji mod bej
ca t-niv nu cor frm-cicarej.

Ma na parol, du, quattr,
so’ stat più c sufficient
p scupritt u carattr,
p rend-t inesistent.

Lapp-rlà, tutt ev trist,
pareo accuscì, invecj s’è vist:
la b-llezz fin alla port,
la bontà fin alla mort.

LA NOTT E’ FATT P DURMI’.

So’ I tre appena passat,
dalla finestr s ‘ntraved na lucj appicciat;
n vuless p-nzà a mal, però so’ sicur
ch’è quacc d’un c va’ a jittà na stramatur.

S r-votc nu par d vot, ma da ju lett cal,
stenn attent a n mett i pet dentr u rinal,
c durant la nott s’è r-pijn
c du tre spr-mut di rin.

C j’occhj ancor accuppat,
all’att-ndun, va c na man allungat;
ha tutta l’arij d’ess na’ manna mort,
ma s r-vej quand sbatt la coccj alla port.

La faccj r-vot aju suffitt i j’annom-n tutt quant,
p-rché n ‘nsa ca n ‘ngiov a cuffà i sant.
La colp è tutt d quella brutt d-lla moj
ca n’ha fatt atr c r-pet “Arriz-t ch’ema da jì ‘ngoj”.
U marit, pur’om, p n ‘ncrià custion,
n ‘nz ferm mang a fa culazion,
sp-renn c la signor cj la port alla terr:
l diecj, l undcj, i chi t la dà, s n’ha scord,ecc la guerr!!
____________ __________

LA SISTIMAZION

Teng na fij i la vuless marità,
però n ‘nsaccj chi c’enga da dà.
So chiest aji parent nu cusij,
i m’hann ditt “Attent a chi s pij”!

C’aj furti i c’apress j’occhj,
ca n ‘nz m-ttess ‘nginocchj
‘nnanz aju prim ca s fa avant;
c’aspttess almin fin a quarant! ! !

A stu punt jì n m 1 neg,
cj deng un c ju ‘mpieg,
na vita r-pusat i pulit c’assicur,
i quand vol, la port pur in villeggiatur.

Assolutament n ‘ngj deng nu contadin,
p-rché la fa arrizzà prest la matin,
p jì e jiss o alla stalla a stramà,
o lu ran i 1’arbamedc a car-cà.

Cj faccj pijà nu ferrovier o nu pustin,
p-rché cj fov fa la signorin;
u rimmel i quacc vot j’ombrett
senza badà a spes cj fov mett.

Bast c’abbad a pulì i r-zlà la cas
i a mett ogni tant poc’acqu aji vas;
po’ jì a parlà mal d la gent ‘mpiazz:
“Quell è na brava famij, quell è na brutta razz!”.
LA BRUTTA STAGGION.

E’ propj lu ver,
stu temp ha propj rutt.
Ha cum-nzat a piov dalla primaver
i ha ‘mbuss tutt. . .
Ha ‘mbuss pur u sacrament,
ha scucciat p-rsin la devozion,
da ché so’ viv n m r-vè ‘mment
na staggion accuscì rice d’acquazzon.

Cj s’è miss pur mojm
a darm la pasta ‘mboss a culazion,
jev dicenn tra d sì Sabbatin
calenn p 1 seal d la cantin.
Guard quell vott i ‘ndundalè la coccj,
st vin m tocc a bev-1 c ju contagoccj.
O m’ha da reggj moj-m, penz Sabbatin,
o m’enga da reggj fort aju tavulin.