La storia di Germana, salvata dai Carabinieri Forestali una cucciola di pastore abruzzese abbandonata



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Abruzzo – A seguito di una segnalazione di un turista di passaggio alla Centrale Operativa per un abbandono di cane in un’area montana, in località San Germano di Pacentro, posta a circa 1200 metri di quota, i Carabinieri della competente Stazione CC “Parco” sono intervenuti trovando sul posto una cucciola di pastore abruzzese malnutrita e spaventata, inavvicinabile per l’evidente timore dell’uomo.

È iniziato così un periodo, durato più di 2 mesi, in cui i militari si sono presi cura del cane, rinominato poi Germana. Le hanno portato da mangiare, costruito un momentaneo riparo dalle intemperie e soprattutto si sono prodigati per abbattere la sua naturale diffidenza. È grazie alla cura e al tempo dedicatole dall’Appuntato Marcantonio che, fuori dal servizio e con estrema pazienza, grazie all’intermediazione del suo cane, è riuscito a conquistare la fiducia di Germana, che la storia è a lieto fine.

La cucciola infatti dopo 2 mesi si è finalmente lasciata avvicinare e prendere dall’Appuntato che la sta ora tenendo in stallo in attesa della sua adozione. L’abbandono di animali domestici, oltre ad essere un reato (punito dall’arresto fino a 1 anno o ammenda da 1000 a 10000 euro), diviene particolarmente odioso quando effettuato senza dare possibilità alcuna di sopravvivenza come in questo caso, dove la cucciola non avrebbe di certo resistito alla severità del clima e alle aggressioni della fauna selvatica.

Comunicato stampa Reparto CC Forestali Parco Majella di Guadiagrele



Leggi anche