La Procura invia i carabinieri alla Santa Croce. Perquisizioni e sequestri



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Canistro. E’ in corso allo stabilimento dell’acqua Santa Croce di Canistro dell’imprenditore Camillo Colella un blitz dei carabinieri della compagnia di Tagliacozzo.

I militari stanno operando su disposizione della procura di Avezzano in merito a un’inchiesta di cui è titolare il pm Roberto Savelli.

Secondo il magistrato nello stabilimento è stata manomessa una valvola a saracinesca preposta all’interruzione del flusso idrico a seguito della scadenza della concessione di sfruttamento delle acque minerali Sant’Antonio – Sponga.

Il decreto di perquisizione e sequestro è stato emesso dopo le indagini dei carabinieri che pare abbiano accertato che ci sia stato un prelievo abusivo di  acqua minerale al termine della concessione e alla conseguente chiusura della valvola a saracinesca fatta dal personale della regione a dicembre del 2015.

Dopo il blitz di agosto, dei carabinieri della locale stazione che hanno operato insieme agli uomini del Noe e del Nas, è stato accertato che nonostante la valvola a saracinesca risultasse debitamente chiusa il flusso delle acque non risultava comune interrotto “con conseguente prosecuzione dell’accaparramento e imbottigliamento da parte della santa Croce”.

Sul posto ora c’è il comandante della compagnia, il capitano Edoardo Commandè ed è arrivato anche il legale di Colella, Roberto Fasciani.

 

LEGGI ANCHE: Telenovela Santa Croce. La proprietà riconsegna le chiavi ma la sorgente è ancora aperta

Blitz dei carabinieri alla Santa Croce. Noe e Nas accompagnano la dirigente della Regione



Lascia un commento