La Passione di Cristo rivive in chiave moderna all’interno del Parco Torlonia



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano. Una prima edizione in grande stile quella dello spettacolo itinerante “Passio Christi” A.D. 2017, che lo scorso 11 aprile ha inscenato la sofferenza, l’agonia e la morte di Gesù Cristo all’interno del suggestivo scenario del Parco Torlonia.

Scritto da Alessandro Franceschini e diretto dall’attore Corrado Oddi, lo spettacolo ha coinvolto circa cento attori locali, le voci del Coro greco composto dagli studenti del Liceo Classico, del Liceo Scientifico e del Liceo “Benedetto Croce” di Avezzano e l’orchestra giovanile della Diocesi dei Marsi, che ha interpretato le musiche originali a tema scritte dal Maestro Massimiliano De Foglio.
“Stasera il clima è stato eccezionale e il tempo ha dato una grande mano agli attori che sono stati bravissimi – ha dichiarato il regista al termine dello spettacolo – Anche se non è stato uno spettacolo facile, perché itinerante, siamo riusciti a dare al pubblico le emozioni e gli stati d’animo giusti. Era quello che meritava il pubblico, la città, il comune, che ha patrocinato l’evento” – conclude Oddi – “Ringrazio la Pro Loco,il Sindaco, tutti gli attori, sua Eccellenza il Vescovo e la Curia, il Coro greco, il Coro della Diocesi, l’orchestra diretta da Massimiliano De Foglio, lo scenografo, Marco De Foglio e Alessandro Franceschini, l’autore” .

“La rivisitazione della Passione di Cristo nasce da un’idea della Pro Loco di Avezzano che ha deciso di mettere in scena questa rappresentazione all’interno della splendida cornice del Parco Torlonia – dichiara il protagonista Alessandro Martorelli – E’ stato molto emozionante, nonostante sia stato un ruolo decisamente impegnativo”. Oltre ad Alessandro Martorelli, nei panni di Gesù, hanno lavorato allo spettacolo gli attori: Emma Francesconi (Madonna), Ugo Patierno (Erode), Luigi Iani (Pietro), Paolo Dominici (Giuda), Gaetano Turni (Giuseppe d’ Arimatea), Francesco Frezzini (Pilato), Giovanni Maria De Pratti (Caifa), Mario Di Censo (Ladrone cattivo), Luigi Volante (Ladrone buono), Monica Antonini (Demone donna), Giovanna Luisi (Demone donna), Andrea Gallese (Demone uomo)  Gianluca Rossetti (Demone uomo), Antonella Martini, Alessandra Mosca e Cati Origa (Pie donne), Claudio Testa (Apostolo), Francesco Ruggeri e Antonio Pellegrini (Profeta Isaia).

Fotoservizio Manuel Conti



Lascia un commento