La “green valley” del Giovenco. Volontari a lavoro per l’orso



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Bisegna – Si è svolta, domenica 24 aprile, la tradizionale giornata di lavoro per la “campagna alimentare” dedicata al recupero di fruttiferi (potatura e ripulitura meli, peri, ciliegi ecc..) e alla coltivazione di terreni per l’orso.

Organizzata dall’Associazione “Montagna Grande” di Bisegna, la manifestazione ha visto i volontari impegnati anche nella realizzazione di uno “scalandrino” per permettere all’orso di scavalcare il recinto: una struttura in legno, già collaudata in altri recinti. Spesso, infatti, è stato visto l’orso salire, questa sorta di passerella, con grande facilità. Lo stesso scalandrino, invece, non viene “scalato” dagli altri animali (cinghiali, cervi, caprioli e animali da allevamento) riservando, così, i prodotti dei campi coltivati (grano e granturco, oltre a mele, pere, ciliege, ecc.) solo al “compare orso”.

“La Valle del Giovenco – dice il presidente di Montagna Grande, Sandro Forte -è divenuta la “GREEN VALLEY“, per via delle diverse iniziative intraprese che consentono agli animali selvatici, e in particolare agli orsi, di trovare risorse in questo territorio”.

Grazie all’aiuto di soci simpatizzanti ed altre associazione, si è riusciti a recuperare più di mille alberi da frutto abbandonati ed impiantarne almeno 400 di nuovi. “Non bastano parole, molte delle quali solo di circostanza – conclude il Presidente -, qui i veri amici dell’Orso si danno appuntamento per un aiuto concreto”.




Lascia un commento