t1

Comune di Lecce Nei Marsi

t2

Testo a cura di Omar Vallabini
Forse la più bella “recensione” su Andrea De Litio, pittore rinascimentale originario di Lecce nei Marsi, e’ quella di Vittorio Sgarbi.Il grande critico d’arte infatti, mette in risalto il “personaggio” De Litio, in rapporto alla grande tradizione pittorica di Firenze del XV secolo, come una espressione periferica di un grande Rinascimento Italiano che vede artisti di una certa fama impegnati nelle botteghe di tutta Italia.

Gli studiosi che hanno analizzato le oscure origini del pittore marsicano sono tanti, ma il primo che stabilisce Lecce nei Marsi come luogo di nascita di De Litio e’ senza dubbio Luigi Sorricchio, il quale, nel 1897, analizzando il cognome “DELITIO”, desunse la provenienza di Andrea dal borgo di Lecce nei Marsi, che, badiamo bene, NON E’ Lecce delle Puglie, in quanto i pittori pugliesi avevano come caratteristica il classico stile di scuola veneta, cosa che invece non appare nel nostro pittore.Secondo Giuseppe Jezzi invece, De Litio e’ originario di Guardiagrele, poiche’ egli si basa sul dato di fatto che il figlio, tal Francesco Delitio, e’ seppellito a Guardiagrele e poi in questo paese abbiamo anche un affresco del pittore.

Il Matthiae nel 1965 propone una data di nascita del pittore, stimata attorno al 1420, mentre Ferdinando Bologna sembra mettere tutti d’accordo nel 1987, asserendo che Andrea e’ originario di Lecce nei Marsi in virtu’ della presenza in zona di due opere giovanili, ovvero “ La Madonna Lignea” a Cese e “ La Madonna col Bambino” nella cattedrale di Celano.Pertanto, secondo la scansione temporale, Andrea De Litio e’ nato a Lecce nei Marsi nel 1420 e gia’ nel 1442 un documento lo attesta “MAGISTER” a Norcia. Il suo massimo successo artistico si attesta intorno al 1473, mentre la sua parabola artistica dovrebbe essersi conclusa attorno al 1481, all’eta’ di 71 anni.

Le opere di De Litio sono di difficile datazione, pertanto porteremo di seguito un elenco di esse e relativo luogo dove il Maestro le ha realizzate:

1) MADONNA DI CELANO

2) MADONNA CHE ALLATTA – L’AQUILA

3) MADONNA DELL’ UMILTA’ – L’AQUILA

4) MADONNA COL BAMBINO – CELANO

5) MADONNA CON BAMBINO E S.CATERINA – L’AQUILA

6) CRISTO CROCEFISSO – L’AQUILA

7) SAN SILVESTRO E QUATTRO STORIE DELLA SUA VITA-L’AQUILA

8) SAN CRISTOFORO – GUARDIAGRELE

9) MADONNA ADORANTE IL BAMBINO – ATRI

10) MADONNA COL BAMBINO ENTRO TABERNACOLO – ATRI

11) MADONNA COL BAMBINO TRA I SANTI ROCCO E SEBASTIANO –ATRI

Il ciclo di affreschi di Atri e’ senza dubbio l’opera capitale di De Litio e si presume che il lavoro sia stato iniziato dal Maestro attorno al 1450, mentre si hanno notizie della sua permanenza in zona fino al 1488.

1) Coro della cattedrale – Atri

2) Volta con i Santi Giovanni ed Agostino

3) Volta con i Santi Luca ed Ambrogio

4) Santi Matteo e Girolamo

5) Santi Marco e Gregorio Magno

6) San Matteo

7) Le Decorazioni dei sottarchi

8) Cacciata di Gioacchino dal Tempio

9) Incontro alla porta Aurea

10) Nascita e presentazione della Vergine

11) Attivita’ di Maria nel Tempio

12) Matrimonio della Vergine

13) Nativita’, Annunciazione e Adorazione dei Magi

14) Fuga in Egitto e Strage degli Innocenti

15) Gesu’ tra i Dottori e Nozze di Cana

16) Battesimo di Cristo

17) Annunciazione della Morte della Vergine

18) Congedo della Vergine dagli Apostoli

19) Cristo Eucaristico ed Incoronazione della Vergine

20) Santi Vito e Clemente

21) Santa Reparata con Citta’ di Atri

avezzano t2

t4

La figura di un pittore rivalutato da pochi anni

t3

avezzano t4

t5