La dr.ssa Simonetta Santini è il nuovo direttore sanitario Asl 1 Abruzzo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Il nuovo direttore sanitario avrà un mandato di 3 anni, il minimo consentito dalla legge, e prenderà servizio lunedì 14 gennaio.
MANAGER TORDERA: “NOMINA NECESSARIA PER EVITARE LA PARALISI DELLE ATTIVITÁ ”
Il direttore sanitario uscente, dr.ssa Maria Teresa Colizza, fu nominata nel gennaio 2014 con contratto quinquennale, 4 mesi prima delle elezioni regionali del 25 maggio dello stesso anno. Il suo incarico non era più prorogabile sia per ragioni anagrafiche sia perché in pensione.

Il manager ringrazia la dr.ssa Colizza:

“Ha svolto il lavoro con professionalità e dedizione” L’AQUILA – La dr.ssa Simonetta Santini, attuale direttore dell’unità operativa complessa di patologia clinica dell’ospedale di L’Aquila, è il nuovo direttore sanitario della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila. L’atto di nomina è stato firmato oggi dal Manager Rinaldo Tordera con incarico di 3 anni, durata minima fissata dalla normativa. La Santini prenderà servizio lunedì prossimo 14 gennaio. Il Manager Tordera ringrazia la dr.ssa Maria Teresa Colizza, direttore sanitario uscente, per elevata professionalità, costante dedizione e abnegazione dimostrate nello svolgimento dell’incarico che le fu conferito, con mandato quinquennale, nel gennaio 2014, quattro mesi prima delle elezioni regionali del 25 maggio dello stesso anno.

“La nuova nomina”, rimarca Tordera, “è una scelta obbligata poiché l’incarico dell’attuale direttore sanitario non è più prorogabile né rinnovabile, sia per ragioni anagrafiche sia perché collocata in pensione. Senza una nuova nomina le deliberazioni del Direttore generale sarebbero viziate dalla mancanza del parere del direttore sanitario, obbligatorio per legge, e ciò pregiudicherebbe la piena operatività aziendale con inevitabili ricadute negative in termini di erogazione delle prestazioni sanitarie. Un rischio che va assolutamente scongiurato, a garanzia della continuità assistenziale e della tutela della salute, di cui l’Azienda è garante”




Lascia un commento