La compagnia teatrale “Teatranti tra tanti” presenta Generazioni Scorrette



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Generazioni Scorrette che con i loro racconti, ironici, comici e a volte drammatici ce lo ricordano, gettandoci addosso senza alcun filtro la scomoda verità. Spettacolo composto da brevi monologhi e dialoghi intervallati e accompagnati da commenti musicali ad hoc, il cui filo conduttore è la quotidianità, tagliente, a volte amara, ma soprattutto reale.

ALESSANDRO MARTORELLI:
Nasce e vive. Da subito capisce di essere appassionato delle storie degli altri, vere o finte che siano. Poi cresce, e capisce che una sola vita gli va stretta. Perciò decide di crearne altre. Per questo motivo inizia sin da bambino a scrivere e recitare. In questo modo può vivere tante vite con una predilezione particolare per quelle di persone scorrette, che a suo avviso sono molto più affascinanti e intriganti di quelle “politicamente corrette”. Tutto ciò gli permette negli anni di sviluppare la sua anima nera che puntualmente tira fuori a seconda delle occasioni. Nella finzione e nella realtà.

FRANCESCO DI CICCO:
Cresce per strada e suona da sempre. Con la musica gioca , parla, scrive, mangia, narra, diletta, piange, trasforma, ama, colora. Chiude gli occhi e vive in un mondo tutto suo, parallelo al nostro. privo di luoghi comuni e distorsioni. Viaggia il mondo con la sua musica, compone nelle sue stanze, “infruglia” spesso la sua arte con grandi musicisti. Studia, impara, accartoccia, butta nel cesto e ricomincia, vive ogni giorno , narrando storie reali o aliene, in un altro linguaggio …. facendo dei suoni, la sua matita.

ANTONIO PELLEGRINI:
è artista dalla nascita, perché artisti si nasce ma solo in seguito se ne prende coscienza! Il primo approccio è col disegno, disegna di tutto e mentre altri bambini facevano cerchi lui disegnava il profilo del vicino di casa. a 16 anni non riuscendo a contenere la sua voce profonda ed il bisogno di esibirsi si esprime con il canto. Solo dopo scopre la sua vera inclinazione: la Recitazione. L’approccio è casuale ma efficace. In seguito una irrefrenabile necessità di esibizionismo si impossessa del suo ego portandolo a collaborare con diversi progetti teatrali e cinematografici e per non essere “scorretto” verso il suo pubblico si piega agli studi ed approfondimenti sulle tecniche di recitazione. Cerca sempre di mettere il massimo in ogni interpretazione e per capire a che livello si trova…dovete
necessariamente vederlo in scena.

Info e Prenotazioni 3358160566 – Elisa Fantinel Comunicazione e Ufficio Stampa
info@teatrantitratanti.it
http://generazioniscorret.wix.com/generazioniscorrette




Lascia un commento