Un’antologia della letteratura dialettale avezzanese…..“…i vecchi avezzanesi silenziosamente se ne vanno e con loro scompare quel poco di genuino, di autentico, rimasto nella tradizione e nel folklore della nostra città(…) la vecchia Avezzano, quella di Carrafone, di Crillitte, di Cachine, di Fumone, del Mute Coccione, di ‘Nfanfaramea, del Pinghe e di Scaccone è quasi scomparsa”……

‘NTUNIETTA

‘Ntunietta, chi te parla é Giuvannine, arrecchia poche a quele che te dice: de tanta brace, tutte é mó cenice, é tante fridde aventre ajie cammine!

‘Ne ciocche ce mettette de ‘ne pire e ce fionnette mmese ‘na fiammella; da principie se fice tutte nire, e ppò ardette che ‘na fiamma bella!

E’ sfiammàte leste, che t’ajia dì? Gnente é remaste, tutte é mó finite! Ajie capefoche m’appoggie e penze a tì:

je tempe passa e ì sò ‘ncanutíte! ‘Ntunietta, je cammine é je core tì e ì sò ‘ne porome ‘nfreddulite!

EATE AJIE CAFONE!

Caetane, Rocche, Middie, Giuvannine? S’arrizza sempre de mmatina cette, se ‘nfonne, se remagna quattre fette de presutte arrancichite e ch’je traine,

s’avvia abballe, verse Calascella; … e quanne che ssé tutte sdiummate, se fionna mmese ai súlechi ch’arate: ‘na bevuta de vine alla copella,

‘n’attrippata de cici e de patane! Prepara dù fascine de sormente, penzenne ajie orte da rià addimane,

e sse retorna e canta e chi je sente, capisce che pe’ tutte je munne sane, noelle ‘ne porome cchiù contente!

AUTUNNE

La jetta che Ile conche e fracicate s’é già je munne sane; pace nen trove e ste core mì é tante disperate;

de tutte quele ch’ecche dentre ì prove, la té é la colpa e manche dell’istate: autunne, je ciele s’é scurite, piove!

SO’CONTENTE!

Nen dorme da dù notte e tira vente, le scarpe se sò rotte tutte quante, s’é date foche a casa e me la cante, nen magne da tre jorni e sò contente!

Nen pozze divve cose che sò viste, da quante tempe vade pe’ je munne, ‘n’affare ch’é quadrate ie vete tunne, nen sacce cchiù addò ì e nen sò triste!

La gente m’é nemica e me trascura, sò sole, senza sordi e spensierate, me piace de campà, la vita é dura,

porejie sò da quande che so nate: ma nen conosce pena, né paura e sò contente, perché sò ‘nnamorate!

N’ACCIDENTE CHE JI SPACCA!

‘Mpiastrate pe’ ji muri d’Avezzane, nzì lette quela carta ch’one messa? ” Stetece bboni, dice, che le pane ce stà pe’ tutti e che nen é la stessa

carastia deji’atr’anni e piane piane, ve manteneme pure la promessa, de davve ‘na casetta da cristiane, anzi ‘na reggia, comm’a ‘na contessa!

Forze, pò esse, sarà ppò le vere?… Ci’atà crete la gente che ss’è stracca, tante p’alleggerisse je pensiere.

Ma , na preghiera addò nce stà ‘na ‘ntacca, prima d’addurmímme, tutte le sere, ì dice: ” ‘N’accidente che ji spacca! “

JE NONNE DE PADREME DICEVA

Vajie più de prescia che de volata

A ‘na recchia c’entra e a ‘n’atra c’esce

Campà cent’anne e pò, recumincià

Squajia nichelle

Crisce carde mì, che j’asine té fame

Fà le nozze che ji funghi

Ognune porta la croce sé, ma a ognune ce piacerria portà quela

dej’atri

Chi mmutína sciolle, mmutína rattacca

Pare a biente

I fatti della pignata i sà sole la cucchiara

L’erba che nen vò aj’orte nasce

L’erba cattiva ne more mai

je bongiorne se vete la mmatina

je serve mì porta la sciammerica

Ognune all’arte sé e je lupe alle pecore

A chi sta mmese nen ce manca mai je línziole

Ne tenghe une pe’ capije

Te conosce da quante iri pire

Addò s’addorme ce sse fà iorne

JE NONNE DE PADREME DICEVA…

A vache a vache, s’empie la pígnata

Chi caca mmes’alla neve, leste se scrope

Sopra alle cotte, l’acqua ‘ullita

Piagne i morti e freca i vivi

Fà bene e scordetene, fà male e pensece

Nen bussà forte, che je portone é debole

Chi nen magna, ha magnate

Nen chiamà Sante Dumíniche, prima de vedé la serpa

Aiutà pe’ Ila calata

Doppe la morte vé je giudizie

Addò ce stanne troppi jallí a cantà, nen se fà mai jorne

Prima la festa e po’ la vigilia

Chi nen paca alla porta, paca ajie sportejie

Quanne cachi co’ je cuie tì, viti come te ‘ncenne

Come Pitocchiella abballe ajie puzze

Nen’é morte chi la paca

Chi và pe’ frecà, remane frecate

Escì dalla porta e rentrà pe’ Ila finestra

Chi sputa pe’ ll’aria, ce recasca ‘nfaccia

La mmerda più la ‘ucíchi e più puzza

JE NONNE DE PADREME DICEVA…

Va co’ quij meji de tì e facce le spese

I confetti aj’asine?

Chi me sse cresima, m’é compare

Se te piace de patì fà la signora

La jatta che nen potette arrivà alle larde, dicette ch’era ranciche

Pie rusce e cane pezzate, accitejíe appena nate

Te sse pozza resciojíe je mijiqujie

A vocca chiusa nen c’entra mosca

Díe te benedica e Sant’Antonie te stennerica ‘

Na scarpa e ‘na ciavatta

Chi nen dà retta a mamma e patre, more crepate

La pecora che fice: behhh! Perdette je voccone

Vicine mi, specchie mi je vove dice cornute aj’asine

Peggie ‘n’onza ncule, che ‘na soma ncoccia

Gíugne: scrupete je crugne

Natale che je sole e Pasqua che je tizzone

Nen ce stà nome e cognome, senza soprannome

Alla Cannelora se ce piove e se ce fiocca, de l’immerne seme fora; se ce stà sole o solejie, seme ancora a mmese invernejie

JE NONNE DE PADREME DICEVA…

Pe’ je porome é mejíe la morte, che de gíugne pieve la notte

Addò và trenta, và trentune

Aji dù é la Cannelora, aji tré e Sante Biasone, aji quattre nen é gnente, ají cingue é Sant’Acheta bella

Perde je víschie e la civetta

Me manchene sempre diciannove sordi pe’ fà ‘na lira

Chi de sonne s’abbotta, la fame je fatte Pijià dù picciuni che ‘na fava

Chi té le pane nen té i denti e chi té i denti nen té le pane

Sempre cuscì e quacche vota mejíe

T’é piaciute le doce? Caca l’amare!

Quanne Mujine se mett’je mantejie, vinne le crape e fatte ie mantejie; quanne Mujine se cala le brache, vinn’je mantejie e fatte le crape.

Chi la notte s’addorme che le creature, la mmatina s’aveza scumpíscíate

Sacche vote nen se regge ritte

Te pozza pijià ‘na cacarella!

Botta una, buci quattre

Die provvede, ma nen carria Nen tirà troppe che sse strocca

Chi commatte che Ile frasche, la cucina ce pijia de fume

‘Ne voccone nen satolla, ma enfiata

JE NONNE DE PADREME DICEVA…

Je molenare s’atà ‘nfarinà

Pijiete la mojie che stà calle, quanne te la sì pijíata allò’ sci che stà frísche

Pie rusce, neri je salutà se neri je cunusci

Senza sordi neri se canta messa

‘Ne patre è bbone a campà cente fiji e cente fiji neri sò bboni a campà ‘ne patre

La cera se ne và e je morte neri cammina

Chi ‘n se more, se revede

Chi và che je cioppe se ‘mpara a cioppecà

A chi neri té i figli, neri ce ì né pe’ foche e né pe’ cunsiji

Mejie sole che male accompagnate

Che ‘na cucchiara de mele, se pijiane ‘na freca d’api

Nen me portà alla messa che sò cioppe, portame alla cantina piane… piane…

Mejie ‘n’ove oggi che ‘na cajina addimane

Bada a ricche ‘mpoverite e a povere arricchite

A chi té i sordi, ciele e paradise

Chi lascia la via vecchia pe’ la gnova, sà quele che lascia e neri sà quele che trova

‘Na vota passette Carle pe’ Fucine

Acqua ferma vermi mena

Quanne circhi de moccecatte ajie ‘ute, nen ci’arrive

Volé la votte piena e la mojie ‘mbreaca

JE NONNE DE PADREME DICEVA

Caccia padrone e sotte e neri t’allontanà troppe

Ajie vove che neri vò arà, é inutile a sproncecà

Ajie male zappatore, nisciuna zappa é bbona

Chi neri ce ne té de lavorà, sbirre o frate s’atà fà

Le chiacchiere se le porta je vente

Sò tre cose che frecane je cafone: le risparmià, le spenne poche e le piove piane

Mai secca fece carastia,

purché de magge nen sia Chi vò la casa ‘mpovertì, lavora aj’atri e magna a tì

Ale de casa mé e foche de pajia

Più giri e più marchisciani truvi

La vipera che moccechette alla socera, muritte avvelenata

Chi neri piscia ‘ncompagnia, c’esce la serpa pe’ Ila via

Che é mejie la pizza cotta ajie sole o la serpa curre curre?

je cane che strilla neri mocceca

Addò nasce la ficora, ce nasce je ficurijie

La prima acqua d’acuste, remitte le maniche ajie buste

‘Nte ‘nficorà Quanne vidi montagna scura, de l’acqua sì sicura

Tempe de carastia, pane de veccia

Acqua passata, neri macina più

Giovanbattista Pitoni 

La Bocaletta

t4

La Bocaletta

avezzano t4

t5