Nuovo reparto di terapia sub intensiva all’Ospedale Civile di Avezzano, LE INTERVISTE



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Sono 6 i posti letto del nuovo reparto sub intensiva, inaugurato oggi all’ospedale civile di Avezzano alla presenza del Direttore Generale ASL 1 Roberto Testa e dell’assessore all’emergenza Covid Mariateresa Colizza e i consiglieri regionali Angelosante e Quaglieri.

“Quello di oggi è un ulteriore potenziamento della rete Covid con questi 6 posti letto ricavati da precedenti spazi che ospitavano altre strutture”, commenta il direttore generale Testa, che prosegue: “Questo su Avezzano è un primo intervento e sarà seguito a brevissimo dal completamento del pre triage e dal potenziamento della rianimazione.
Per fare dei lavori ci sono i tempi tecnici e gli iter burocratici che si sono svolti più rapidamente possibile. Quello di oggi è un risultato importante, come lo sono tutti quelli ottenuti precedentemente.

Domani saremo a Castel di Sangro per inaugurare il pre triage, la settimana prossima saremo a L’Aquila per poter completare i posti letto in malattia sub intensiva.
Consideriamo che tutto ciò è stato fatto mantenendo un’attività assistenziale in essere”.
“Siamo molto felici perché abbiamo bisogno di questi posti”, sono le parole dell’assessore Colizza, che aggiunge: “In questo momento i contagi stanno aumentando e questa dotazione di 6 posti letto costituisce sicuramente un motivo di ristoro e di tranquillità.
Dobbiamo monitorare costantemente l’andamento dei casi, la pressione sulla struttura sanitaria sta aumentando, e sappiamo benissimo che le chiusure dipendono proprio dalla tenuta delle strutture sanitarie”.

Presenti anche i consiglieri regionali Angelosante e Quaglieri che hanno espresso la loro soddisfazione riguardo tale progetto. Ha sottolineato il consigliere regionale Simone Angelosante: “Questo nuovo reparto ci consentirà di affrontare con più sicurezza questa terribile ondata che in questi giorni in particolare sta colpendo la nostra Marsica.
Questo reparto lo vedo come punto di transizione e non come punto di arrivo, infatti stiamo ovviamente spingendo per avere i posti in rianimazione che purtroppo sono in ritardo.
Stamattina ho parlato con i tecnici e mi hanno assicurato che massimo entro 3 settimane inaugureremo anche quelli.

Tengo a ribadire che quei posti non sono per malati Covid, ma sicuramente per tutte quelle altre categorie di malati che rischiano di essere abbandonati, alleggerendo così da malati ordinari altri reparti a L’Aquila e a Sulmona, destinati invece ai malati Covid”.
Conclude con un appello: “Voglio fare un appello alla nostra gente marsicana: oggi ci stanno colpendo duro, i numeri non sono buoni, pertanto invito a rispettare le norme.

È una battaglia che non si vince con la furbizia, ma con l’unità di tutti quanti, perché uniti ce la faremo. Con questi posti letto respireremo un po’, ma è importante non ammalarsi”.

“Sicuramente è un grande traguardo, è un reparto nuovo dotato di tecnologia di ultima generazione con un sistema di monitoraggio continuo dei pazienti”, afferma il consigliere regionale Mario Quaglieri, che conclude speranzoso: “Si comincia a vedere qualcosa di buono e di efficace, per assistere in maniera pronta e di livello le persone affette da Covid avanzato”.