In occasione della 40° marcia francescana sul tema “Infinitamente buono”, la scrittrice Maria Assunta Oddi con una filastrocca invita alla pace


Nella giornata del 2 agosto, dedicata al perdono degli assisani, la festa della misericordia e della riconciliazione ricorda l’indulgenza plenaria chiesta da San Francesco e concessa da Papa Onorio III nel 1216.

I giovani e le famiglie partecipanti alla marcia provenienti da tutte le regioni italiane e da alcune nazioni estere, dopo due anni di fermo per il contenimento del covid, finalmente, hanno varcato la porta della Porziuncola presso Santa Maria Degli Angeli, per vivere nella Pasqua il perdono fraterno. 

Con il transito della “Porta Santa” indicata da Francesco, attraversiamo idealmente le “Porte” di tante chiese in tutto il mondo per riscoprire un DIO “infinitamente buono” così innamorato dell’umanità da superare il male nell’abbraccio tenero di un Padre.

C’è chi porta la marcia in Slovenia, in Croazia, in Israele, in Siria, nel Libano e in Egitto inseguendo l’insegnamento del Poverello di Assisi aperto al dialogo interculturale. Come non pensare alle porte chiuse alla pace per le tante guerre nel mondo. Come non pensare alla nostra Europa travagliata da un potere politico, economico, etnico e sociale incapace di cogliere l’identità unitaria nel progresso solidale e sostenibile. Ancora una volta la profondità spirituale francescana ci esorta a credere che c’è sempre una possibilità per ripartire superando i muri della discordia incontrando “L’altro” con desiderio di accoglierlo come membro dell’unica famiglia: quella umana.

Soprattutto per gli ultimi, i vecchi, le donne, i malati e in particolar modo i bambini cerchiamo di marciare ogni giorno, nella quotidianità, verso la riconciliazione e la concordia.

A tutti dedico questa filastrocca che nell’intento di Rodari ci invita ad imparare dai piccoli sconvolgendo la grammatica con la fantasia.

Quando scrivo “Guerra”.

Quando scrivo “guerra”

Con una “r” sola

Il maestro sottolinea

Con un segnaccio rosso

La parola e grida:

“Ancora, distratto!

E’ un errore”.

Mio padre ha detto

Che anche fare la guerra

È un errore degli uomini

Ed è perché non lo dimentichino mai,

soprattutto per i bimbi come me,

che continuo a scrivere

guerra con una “r” sola.


Invito alla lettura


Progetto “Housing First” ad Avezzano, la casa prima di tutto. Il Comune ottiene 710 mila euro di finanziamenti

Il progetto tende la mano alle persone fragili della comunità, spesso senza fissa dimora, a conferma dell’attenzione del Comune alle difficoltà dettate da crisi sociali ...

Si è conclusa la prima edizione di “Storie in circolo”

Il direttore artistico Francesco Sportelli “Siamo molto felici della risposta che il progetto ha ricevuto"

Nasce il pronto intervento sociale: aiuto a 200 famiglie di 34 Comuni

Marsica – Nasce il pronto intervento sociale che prevede un aiuto per 200 famiglie in 34 Comuni. Il progetto “L’unione fa la forza”, presentato nei ...

Pronto soccorso avezzano, Fedele: “siamo in piena emergenza “

Avezzano – Sono gravissime le affermazioni dell’Assessore Verì in merito alla situazione del Pronto Soccorso di Avezzano. L’Assessore dimostra, sia nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa ...