In arrivo correnti fredde artiche e qualche nevicata fino a bassa quota



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Meteo – Nel corso di questa settimana, saremo raggiunti e sfiorati da masse d’aria fredda di origine artico-marittima che scenderanno lungo i bordi orientali dell’Anticiclone delle Azzorre in estensione lungo il meridiano di Greenwich. Queste correnti fredde in quota e instabili, poiché si sono destabilizzate una volta aver sorvolato il Mare del Labrador e del Mar Baltico, convergeranno con l’arrivo di una seconda perturbazione dal Nord Atlantico, la quale innescherà un profondo vortice di bassa pressione sul bacino tirrenico del Mediterraneo che, successivamente ad una giornata di lunedì soleggiata e caratterizzata da gelate mattutine sull’entroterra e ancora nevicate sulle Alpi, tra martedì e mercoledì, favorirà annuvolamenti associati a piogge.

La prima massa d’aria fredda e instabile di estrazione artico-marittima, tra questa domenica sera e lunedì 11, interesserà l’Europa settentrionale e centro-orientale e sfiorerà l’Italia dai Balcani settentrionali tramite tese correnti d’aria o venti nord-orientali che porteranno qualche annuvolamento sull’Appennino centro-meridionale con qualche fiocco di neve questo lunedì sera, nonché daranno di nuovo origine a rovesci di pioggia e grandine, localmente temporaleschi sulle regioni del Sud Italia.

Nevicate abbondanti sulle Alpi, in arrivo anche sull’Appennino settentrionale e sul nostro Appennino centrale e centro-meridionale. Sulle nostre zone interne abruzzesi inizierà a nevicare e le temperature sia massime che minime assumeranno connotati invernali grazie anche alla mole di correnti settentrionali attanagliate attorno al vortice di bassa pressione. Entro mercoledì sera, la pioggia potrebbe mutare in neve fino a bassa quota, facendo attuare delle nevicate anche moderate/forti tipicamente invernali fino a giovedì.