“Il segreto è la gioia” è il titolo del nuovo libro di Padre Emiliano Antenucci



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano. Padre Emiliano Antenucci Rettore del santuario del Silenzio, ha terminato il suo secondo lavoro, dal titolo “Il segreto è la gioia” prosieguo del primo “Felici perché amati”. Perché ha scritto questo libro? Se la felicità è un’emozione ed ha un termine, la gioia è un sentimento è qualcosa che perdura nel tempo, per i cristiani il primo annuncio di gioia dato ai discepoli è Gesù Risorto. Come il parto che è il più atroce dolore, ma è anche scientificamente provato che quando la mamma vede il proprio bambino, attraverso il suo amore e la sua gioia , si anestetizza tutta la sofferenza provata, così è la nostra vita. Come la cronaca nera, parliamo di tutte le cose che non vanno e dimentichiamo quelle che vanno.

Siamo tutti specchiati di cronaca nera della vita degli altri, dovremmo essere invece laureati di cronaca bianca della nostra vita e di quella degli altri. Padre perché ha scelto la via consacrata? perché ho scoperto il Dio della gioia, la vera spiritualità non è mortifera ma vivifica. Come dice Papa Francesco: attenzione ai cristiani dalla faccia da funerale, l’umorismo è l’ingrediente della santità. Riprendendo una citazione di Gigi Proietti: “Potrei esserti amico in un minuto, ma se nun sai ride mi allontano, chi non sa ride mi insospettisce”.
La gioia è sentirsi amati, la tristezza è lo sguardo rivolto a sé stessi. È una questione di sguardi di solarità e di positività verso il mondo, contro tutti i pessimisti cronici. Nel libro parto da un’analisi odierna: “il languore”, l’anno 2021 e’ stato definito mancante di gioia. I poeti, gli artisti, i Santi , gli inventori, erano e sono drogati di entusiasmo, senza non si può fare niente.