veroli-incidente-330x200_c
Maxi tamponamento sulla ex superstrada del Liri: coinvolte 4 auto
Pericolo valanghe moderato sul Velino Sirente, Meteomont: "Sconsigliate attività al di fuori delle piste battute e segnalate"
Pericolo valanghe moderato sul Velino Sirente, Meteomont: "Sconsigliate attività al di fuori delle piste battute e segnalate"
nicola_molteni
Il sottosegretario Nicola Molteni a Sulmona per discutere di sicurezza
tris di medaglie d’oro per tre giovani atleti della Legio Martia di Celano che passano alle fasi nazionali
Campionati regionali di boxe a Francavilla: tris di medaglie d’oro per tre giovani atleti della Legio Martia di Celano che passano alle fasi nazionali
È appena fiorito l'albero piantato a Civitella Roveto in ricordo di Grazia Sabatini, scomparsa a soli 44 anni
È appena fiorito l'albero piantato a Civitella Roveto in ricordo di Grazia Sabatini, scomparsa a soli 44 anni
Cerca
Close this search box.

Il festival della canzone un suggestivo viaggio nella poesia: riflessioni della scrittrice dei Marsi Maria Assunta Oddi

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guido Cerratti
Guido Cerratti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Raffaella Ruscitti
Raffaella Ruscitti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Pasquale Iannucci
Pasquale Iannucci
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Albina Di Salvatore
Albina Di Salvatore
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Ferdinando Pecce
Ferdinando Pecce
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Prof
Il festival della canzone un suggestivo viaggio nella poesia
Il festival della canzone un suggestivo viaggio nella poesia

La percezione sociologica del Festival della canzone tocca i cuori, quando al di là degli interessi contingenti delle aziende discografiche, delle mode e delle tendenze del momento, del narcisismo edonistico nel desiderio insopprimibile di apparire, racconta con note e parole le sfumature complesse delle emozioni umane. Liberata dalla superficialità lo spettacolo musicale ribalta i valori della cultura imperante emozionando e si fa impegno sociale che induce alla riflessione sui piccoli e grandi temi dell’esistenza.

Molte canzoni, certamente le più sensibili alle tematiche del vissuto, alcune delle quali basate sulle poesie, mostrano la capacità di dar voce agli emarginati, ai diversi. Considerare la fragilità soprattutto quella giovanile del dopo Covid, espressa nei testi musicali, significa trasmettere il valore dell’accoglienza e dell’integrazione. I giovani oggi immersi nel villaggio globale, tra infinite insidie sono certamente più insicuri dei loro padri e, anche quando si mostrano agli altri forti e determinati, con sé stessi si ritrovano soli. Contro la marginalità della povertà non solo materiale ma spirituale, spesso presente nella comunicazione dei social, cantare raccontando debolezze, incertezze e solitudini significa aprirsi alla speranza nella condivisione empatica. La musica, come osserva il Maestro Ezio Bosso, ci insegna la cosa più importante: ad ascoltare e ad ascoltarsi. Spesso rappresenta l’unico linguaggio che ci permette di dialogare facendo leva sulla sensibilità comune armonizzando i vari sentimenti promuovendo la pace dentro e fuori di noi, trasportandoci in “un’altra dimensione”, in uno spazio gioioso. La festa della canzone italiana permettendo a tutti di ascoltare le voci degli altri si fa scienza delle emozioni in cui lo spirito di un’intera comunità sociale opera, pensa e sogna.

Quando il pubblico del Festival, onorando l’esibizione canora dei loro beniamini, si alza, balla e canta e con un’unica voce ripete le stesse parole, a mio avviso, condivide una bellezza che si fa poesia. Nell’assistere all’originale performance di Loredana Bertè mi viene in mente la frase di Friedrich Nietzsche: “E coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi da quelli che non potevano sentire la musica”. Loredana da esperta cantante conosce bene il demone della musica che costituisce il genio del suo talento. Allo stesso modo la saggezza di Giovanni Allevi fa della filosofia poesia di vita. Tra le tante e commoventi considerazioni sulla sua esperienza quando dice che dalla finestra dell’ospedale, dove è ricoverato come paziente oncologico, osserva le albe e i tramonti distinguendoli comunica un desiderio infinito di vivere assaporando ogni attimo di ombra e luce.

Allo stesso modo la sua tenacia nel suonare davanti al pubblico, nonostante i dolori fisici che l’affliggono, sostenuto dall’anima mostra la spiritualità profonda dell’espressione musicale capace di oltrepassare il tempo e lo spazio. Non è facile descrivere il buio che abita nello sconforto della mente per farne consiglio a confortare il disagio esistenziale. Allevi ha mostrato con la sua profonda onestà professionale ma soprattutto umana la possibilità di superare la sensazione di smarrimento ritrovando, con il filo della razionalità, la speranza. La musica non fa vibrare solo con le sue onde sonore l’apparato acustico ma cambia il pensiero contaminandosi nell’abbattere le barriere e nel donare nuovo benessere. Nella serata stupenda delle “Cover”, nella quale sono state riproposte al pubblico le canzoni d’autore, meravigliosa non solo per la nobiltà del messaggio trasmesso ma per l’emozione travolgente che è arrivata anche alla platea, è stato il duetto tra il giovane Alfa e il veterano Vecchioni.

La bellissima voce di Roberto, un poeta che canta il meraviglioso, accompagna l’esibizione di Alfa invitando con lui tutti i giovani a sognare. Il testo della canzone, che si fa “lirica”, viaggia sulle note e suscita coraggio nella lotta per la giustizia. Ma saranno le nuove generazioni a scrivere l’ultimo verso: “Sogna ragazzo, sogna ti ho lasciato un foglio sulla scrivania, manca solo un verso a quella poesia, puoi finirla tu”. Il cantautore, che è anche un insegnante, non dimentica mai il valore letterario e nel contempo educativo delle sue canzoni capaci di figure retoriche e significati nascosti per dare alle canzoni dignità di opere d’arte. Se Alfa guarda con ammirazione Vecchioni come fosse il suo maestro, Vecchioni, da parte sua, chiude gli occhi assorto nell’ascolto quando Alfa aggiungendo un finale Rap all’esibizione conclude con alcune sue rime. La musica abbraccia le generazioni che pur con stili, tempi, modi diversi esprime i bisogni eterni dell’uomo: gli stessi narrati dai poeti di ogni epoca e di ogni Paese: “I poeti che non si interessano alla musica sono, o diventano, cattivi poeti” (Ezra Pound).

Pertanto è riduttivo parlare solo di intrattenimento. La musica che ispira e insegna ci invita anche alla responsabilità. Considerare temi “di tendenza” banali e scontati svuota del suo immenso potenziale una delle più alte forme di comunicazione create dall’uomo. E noi che l’ascoltiamo dovremmo chiederci seriamente che cosa ci aspettiamo da una canzone per comprenderne appieno il suo valore.

Lasciatemi concludere, questa mia breve recensione, con la poesia-canzone “Sentire Alda” composta da Vito Terribile sulle parole del componimento “Sentire”, che pur non presentata al Festival, ne coglie la finalità principale: raccontarsi e raccontare emozionandosi.

Mi piace il verbo sentire.

Sentire il rumore del mare,

sentirne l’odore.

Sentire il suono della pioggia che ti

Bagna le labbra

Sentire l’odore di chi ami,

sentirne la voce

e sentirlo col cuore.

Sentire il vento

delle emozioni,

ci si sdraia sulla schiena del mondo

e si sente…  (Alda Merini)

PROMO BOX

veroli-incidente-330x200_c
Pericolo valanghe moderato sul Velino Sirente, Meteomont: "Sconsigliate attività al di fuori delle piste battute e segnalate"
nicola_molteni
tris di medaglie d’oro per tre giovani atleti della Legio Martia di Celano che passano alle fasi nazionali
È appena fiorito l'albero piantato a Civitella Roveto in ricordo di Grazia Sabatini, scomparsa a soli 44 anni
Oggi festeggia 108 anni Italia Palucci: è una delle donne più longeve d'Abruzzo
IMG-20240304-WA0060
Monica Pelliccione
La judoka avezzanese Isabel Sabini conquista l'oro al Campionato Regionale Lazio Abruzzo Esordienti B 2024 di Colleferro
"Il secolo di Pio XII", il 6 Marzo presentazione del libro a Tagliacozzo per la Giornata europea dei Giusti tra le Nazioni
Isweb Avezzano Rugby corsaro a Firenze: vittoria per 5 - 23 e altri quattro punti in classifica
Terminate le prove di collaudo della nuova seggiovia Max Bartolotti a Ovindoli
minacce coltello-2
Treno
palestra
WhatsApp Image 2024-03-03 at 21.12
capelli-
Il cantante e musicista Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro, ospite in un ristorante di Opi
eded1453-d063-4bad-b658-fe6674392a59
Sciopero nazionale del personale del Gruppo FS e Trenitalia dalle ore 0:00 alle ore 21:00 di venerdì 8 Marzo
Consulta Provinciale degli Studenti dell'Aquila
Delegazione regionale 2024-2027
FOTO-PRINCIPALE
madnna lordes

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guido Cerratti
Guido Cerratti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Raffaella Ruscitti
Raffaella Ruscitti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Pasquale Iannucci
Pasquale Iannucci
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Albina Di Salvatore
Albina Di Salvatore
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Ferdinando Pecce
Ferdinando Pecce
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Prof

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina