Il cambiamento climatico, rischio e sua percezione, se ne parlerà a Pescina oggi in un incontro pubblico


L’evento sarà condotto da Paolo Della Ventura, ambasciatore del Patto Europeo per il Clima della Commissione Europea e moderato da Alfio Di Battista, giornalista

Pescina – Oggi 18 giugno, alle ore 17, presso il Centro Studi “Ignazio Silone” di Pescina (AQ), sito in via del Carmine n.25, si terrà l’incontro pubblico sul tema “Il cambiamento climatico: rischio e sua percezione”.

Nell’incontro sarà anche presentato il libro “L’ultimo respiro del sole” di Silvia Grossi, antropologa ed etnografa. All’evento, aperto al pubblico, sono invitate la Regione Abruzzo, tutte le Amministrazioni Comunali della Marsica, oltre che il Parco Nazionale Abruzzo Lazio e Molise e il Parco Regionale Sirente Velino.

Come ha agito e come agisce la percezione del rischio del cambiamento climatico?

«Certamente ha agito sul rallentamento delle politiche di mitigazione e adattamento –afferma Della Ventura– ed è altrettanto certo che ha agito anche su azioni climatiche deboli da parte dei decisori politici, nazionali e territoriali, quando proprio non si tratti e si sia trattato di inazione.»

Secondo l’ultimo rapporto del Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC), pubblicato il 9 agosto 2021, gli scienziati rilevano cambiamenti nel clima della Terra, in ogni regione e in tutto il sistema climatico. Molti di questi cambiamenti sono senza precedenti in migliaia, se non centinaia di migliaia di anni, e alcuni tra quelli che sono già in atto – come il continuo aumento del livello del mare – sono irreversibili in centinaia o migliaia di anni.

L’aumento della temperatura globale, certamente, ma non è l’unico elemento in gioco. I cambiamenti climatici stanno portando molti cambiamenti in diverse regioni, e tutti aumenteranno con un ulteriore riscaldamento. Questi includono cambiamenti nei valori dell’umidità, nei venti, nella neve e nel ghiaccio, nelle aree costiere e negli oceani.

Il libro che sarà presentato nell’incontro è una riflessione sul cambiamento climatico e l’urgenza di regolamentare l’intervento antropico sul nostro Pianeta il soggetto del ‘romanzo etnografico’ dell’antropologa pavese Silvia Grossi, “L’ultimo respiro del sole” (collana Rimmel), ambientato nel Sultanato del Kelantan, in Malesia durante la tremenda alluvione del 2015 che devastò il Paese e di cui ricordiamo il tragico epilogo:

Un numero imprecisato di morti, 100.000 persone sfollate, interi villaggi distrutti, il pugno duro del governo sulla resistenza degli aborigeni. Un Paese, la Malesia, tra i territori del nostro Pianeta oggi a maggior rischio ecologico a causa delle massicce deforestazioni per far spazio a nuove piantagioni di palme dalle quali ricavare i più redditizi olio e gomma.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Progetto “Housing First” ad Avezzano, la casa prima di tutto. Il Comune ottiene 710 mila euro di finanziamenti

Il progetto tende la mano alle persone fragili della comunità, spesso senza fissa dimora, a conferma dell’attenzione del Comune alle difficoltà dettate da crisi sociali ed economiche.  Interventi per alleggerire ...


Si è conclusa la prima edizione di “Storie in circolo”

Il direttore artistico Francesco Sportelli “Siamo molto felici della risposta che il progetto ha ricevuto"

Nasce il pronto intervento sociale: aiuto a 200 famiglie di 34 Comuni

Marsica – Nasce il pronto intervento sociale che prevede un aiuto per 200 famiglie in 34 Comuni. Il progetto “L’unione fa la forza”, presentato nei ...

Pronto soccorso avezzano, Fedele: “siamo in piena emergenza “

Avezzano – Sono gravissime le affermazioni dell’Assessore Verì in merito alla situazione del Pronto Soccorso di Avezzano. L’Assessore dimostra, sia nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa ...

San Pelino, tutto pronto per gli imminenti festeggiamenti in onore dei Santi Patroni

Avezzano – Il ritorno alla realtà della comunità di San Pelino passa, in questo 2022, per l’organizzazione in grande stile delle feste patronali in onore ...