Firmata l’intesa per il contratto istituzionale per il turismo montano e sostenibile in Abruzzo



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Regione – Il Presidente della provincia dell’Aquila Angelo Caruso ha firmato a Roma, alla presenza del Ministro per la Coesione Sociale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti, il Contratto Istituzionale di Sviluppo per il turismo montano e sostenibile, promosso dalla Regione Abruzzo attraverso il Vice Presidente Giovanni Lolli.

L’iniziativa prevede di attivare un programma strategico ed integrato per lo sviluppo sostenibile ottimizzando strumenti e risorse per la realizzazione di investimenti pubblici e privati. La Priorità è migliorare la complementarità di azione e di spesa per lo sviluppo e la coesione territoriale, accelerare la spesa e indirizzarla sulle linee guida e le azioni definite nel “libro bianco per lo sviluppo sostenibile in Abruzzo”.

Tra i contenuti strategici si annotano temi innovativi legati alla competitività, alle criticità di produzione e competitività connessi al ricambio generazionale, sicurezza, accessibilità, prevenzione e gestione di eventi e calamità naturali, L’attivazione del programma consentirà di far convergere più risorse su un unico programma strategico ed integrato per lo sviluppo sostenibile in Abruzzo, rafforzando la coerenza e complementarità degli investimenti, utilizzando modelli e strumenti innovativi per operare con flessibilità, estendibilità e replicabilità.
I territori interessati all’intervento saranno Comuni del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, i Comuni del Parco Nazionale Majella, i Comuni del Parco Regionale Sirente-Velino, i Comuni del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga.

Tutti i Comuni, anche se appartenenti ad ambiti diversi e a più Province, nel loro insieme costituiscono un’unica area geografica, per assicurare una continuità territoriale e possono essere ricompresi all’interno del perimetro massimo di estensione all’interno del quale verranno individuate più puntualmente le specifiche “zone obiettivo”. L’omogeneità dei diversi ambiti su cui si articola il CIS è individuata sulla base di elaborazioni programmatiche finalizzate allo sviluppo sostenibile delle stesse e che i contesti sui quali potranno essere articolate le azioni del medesimo CIS saranno assunti in coerenza con gli strumenti di pianificazione socio-economica elaborati o da elaborarsi in virtù delle peculiarità e delle esigenze del territorio di riferimento.

I soggetti istituzionali che comporranno il tavolo operativo sono, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, il Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministero Infrastrutture e Trasporti, la Regione Abruzzo, un rappresentante per ciascuna delle Province Abruzzesi.
Il Presidente Angelo Caruso esprime piena soddisfazione per questa ulteriore possibilità di sviluppo concessa alle aree interne, al fine di sostenere tutti i distretti economici dei territori, per una provincia sempre più dinamica, competitiva e innovativa.



Lascia un commento