Alla cooperativa tenem ne presidente che
quando se tratta de pagà pare che non ce sente

A po tenem Marrich i capomacchia
A lavorà corre ed è furbo come na cornacchia.

E po tenem Rasitt i chiù anzian e pe quella via corre come ne faggian,
appena arrivem dove avem lavorà a quanto sascide e se mett a magnà.

E po tenem Benito Cianfarani a lavorà te na fantasia come ne cane.

E po tenem Cesiddie di Ninitt a lavorà, lavora zitt zit,
se lo vedi la ronca adoperà a quanto le vraccia te fa cascà.

A po tenem pure i Parent, a segà non vale niente.

Po tenem Petruccio d’Annantonio a lavorà tè na fantasia come ne demonio,
appena arriva i filon e se mette a sfrattà a quant i vid comincià a nicchià.

A po tenem Luigione ca a lavorà e no sgobbone,
però quando arriva il lunedì, quando parla non se fa capì.

A po tenem pure Z’zzitt quando stem a magnà non se sta mai zitt,
quije sta sempre a predicà e pure le palle te fa calà.

Po tenem pure ne cositt che è je fije i Barbitt,
tant a segà e pure asrattà a nisciun se fa arrivà.

E po tenem pure Franchin che a segà va quasce sempre i prim,
però ogni tanto se mette ad arrotà, lo fa apposta pe se riposà.

Po tenem Mauro di Illone a lavorà è i chiù birbone,
ogni tanto se mette a guardà se è arrivata l’ora de staccà.

A po tenem pure bicchierone a lavorà è n’cialfone.

E po tenem Romoletto che risponde sempre a pret in petto.

Po tenem pure Nunziante dà le rest a tuttequante.

Po tenem Leucio Crapar a lavorà fa sempre come ce pare.

A po tenem Vincenzin a lavorà t’è ij occhie fin,
guarda sempre co na certa attenzion pe’ non se fa allargà je filone.

Po sta pure Raplone a lavorà va pure bone,
però se comenza a raccontà non se parla più i lavorà.

Filastrocca di Mariani Emilio detto  ‘Raplone’.

avezzano t2

t4

Filastrocca della Cooperativa boschiva Caf.Col.
Filastrocca della Cooperativa boschiva Caf.Col.

avezzano t4

t5