Festa delle forze armate, il generale Fazio a Tagliacozzo svela la lapide con i nomi dei 147 caduti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliocozzo – Un’intensa emozione ha pervaso gli animi dei numerosi presenti quando il Generale di Divisione Vero Fazio ha svelato il tricolore che copriva la monumentale lapide in marmo di Carrara, dove l’Amministrazione comunale il Gruppo degli Alpini hanno fatto incidere i 147 nomi dei caduti durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale del Territorio di Tagliacozzo.

L’iniziativa è stata promossa dalla locale sezione degli Alpini, egregiamente coordinati dal Presidente Antonio Di Pietrantonio. Nomi, cognomi, gradi e onorificenze militari di ragazzi, per lo più a molti ormai sconosciuti, che finalmente sono stati riuniti nell’elenco posto all’ingresso della Casa comune.

“Scolpire nella pietra il nome di un soldato morto per la Patria, per la Famiglia, per la propria terra – ha detto il Sindaco Vincenzo Giovagnorio nella sua allocuzione – significa volerne conservare la memoria, volerne trasmettere il ricordo a chi sarà dopo di noi, volerne onorare le gesta e soprattutto il sacrificio che egli ha compiuto per costruire, conservare e trasmettere integre tutte e tre le realtà dianzi dette”.

Viviamo in una Nazione libera, in una Nazione democratica, – ha continuato poi il Sindaco – la società odierna offre agi e, ringraziando Dio, discrete possibilità, almeno per chi sente l’obbligo di dover contribuire al benessere dei propri cari e suo personale. Tutto ciò lo dobbiamo soprattutto a questi giovani, a queste vite innocenti che purtroppo la guerra ha strappato troppo presto agli affetti terreni”.

SVIS CIVIBVS IN ACIE INTEREMPTIS
QVI PUBLICAE REI SALUTEM
SIBIQUE IMMORTALITATEM COMPARARUNT
TALEACOTIENSIS CIVITAS

E’ la frase scolpita sulla lapide che precede l’elenco dei nomi e la cui traduzione recita: “La città di Tagliacozzo ai propri Cittadini uccisi in battaglia, che paragonarono la salvezza dello Stato alla loro immortalità”

Questi ragazzi hanno avuto un coraggio eroico nell’accettare un destino che li ha chiamati all’estremo sacrificio. Consapevolmente hanno posto sullo stesso piano la loro morte – e quindi l’immortalità ultraterrena – e il bene dell’Italia.

Dopo l’inaugurazione della lapide nell’atrio comunale, il corteo delle Associazioni e dei Cittadini, accompagnato dalla Banda locale, ha raggiunto il monumento ai Caduti nel Parco della Rimembranza, dove è stata deposta una corona d’alloro e il Generale Fazio ha pronunciato un vibrante e appassionato discorso commemorativo in cui ha ripercorso le vicende storiche dell’Unità d’Italia e ha sottolineato l’importanza fondamentale per l’azione di pace da parte delle Forze armate.

Hanno partecipato il Maggiore Silvia Gobbini, comandante della locale Compagnia dei Carabinieri, con i Comandati Francesco Marini e Mauro Dattolo; la Presidente del Consiglio comunale Anna Mastroddi e l’Assessore alla Cultura Chiara Nanni; gli Alpini, tra cui il novantanovenne Tommaso Palmerini, i Carabinieri in congedo, i Bersaglieri, le Volontarie della Croce Rossa Italiana e i Volontari della Protezione Civile; i ragazzi della Casa Anffas.

La cerimonia si è conclusa con la celebrazione della Santa Messa nella Chiesa della SS.ma Annunziata.