False dichiarazioni per regolarizzare cittadini extracomunitari, in tre davanti al giudice



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Si terrà il prossimo 19 marzo, presso il Tribunale di Avezzano, l’udienza preliminare in cui si dovrà decidere il rinvio a giudizio di due marsicani e un napoletano ritenuti, a vario titolo, responsabili di aver consentito a sei cittadini extracomunitari, attraverso false dichiarazioni, di permanere sul territorio italiano ricevendo in compenso delle somme di denaro.

A presentarsi davanti al giudice saranno A.D.A. 52 anni, A.S. 74 anni e L.M. 52 anni.

Secondo l’accusa, avrebbero dichiarato agli organi competenti di avere alle dipendenze alcuni cittadini marocchini consentendo, così, agli stessi di permanere sul territorio nazionale. Tutto ciò in cambio di soldi.

A.D.A, A.S e L.M sono difesi rispettivamente dagli avvocati Gianluca Presutti, Roberto Verdecchia e Clara Cardamone.

Due dei sei extracomunitari, parte offesa nella vicenda, sono difesi dagli avvocati Pasquale Motta e Mauro Ceci.




Lascia un commento