Enzo Tortora e Romolo Tranquilli, due storie di carcere ingiusto e di morte da carcere. Il loro ricordo, i loro scritti, il 5 agosto ad Ortona dei Marsi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Ortona dei Marsi  – Il prossimo venerdi’ 5 agosto, alle 18, ad Ortona dei Marsinell’ex teatro, ci sara’ organizzato dall’amministrazione comunale un importante evento culturale e storico. Con la presenza della senatrice Francesca Scopelliti, compagna di Enzo Tortora e presidente della fondazione internazionale intitolata al presentatore scomparso, si discutera’ delle lettere scritte dal carcere da Enzo Tortora e pubblicate nel libro da poco tempo editato “cara Francesca”. Poi interverranno la presidente del centro studi Ignazio Silone Ester Cicchetti e una sua collaboratrice Serena Circenzi, che illustreranno la corrispondenza epistolare tra Romolo Tranquilli e suo fratello Ignazio Silone. Romolo Tranquilli, mori’ nel carcere di Procida nel 1932 all’eta’ di 28 anni, dopo quattro anni di carcere e di pestaggi continui. Fu assolto dall’accusa centrale, ma mori’ anche lui di carcere e di botte. Infine ci sara’ la testimonianza di Giulio Petrilli che raccontera’ la sua testimonianza di sei anni di carcere, prima di essere assolto.




Lascia un commento