martedì, 9 , Marzo

Viabilità provinciale: interventi previsti sulla S.R. 82 della Valle del Liri e S.P. 68 di Roccavivi

L'Aquila - L’Amministrazione della Provincia dell’Aquila ha previsto, nel quadro degli investimenti nel settore della viabilità, cospicui finanziamenti per il riassetto del sistema delle...
Elezioni Avezzano, Roberta Rico, candidata nella lista "Riformisti per AZ" con Giovanni Di Pangrazio sindaco, illustra le sue proposte per maggiore ascolto, cura e prevenzione alle donne nell'ambito ginecologico

Prima pagina

Elezioni Avezzano, Roberta Rico, candidata nella lista “Riformisti per AZ” con Giovanni Di Pangrazio sindaco, illustra le sue proposte per maggiore ascolto, cura e prevenzione alle donne nell’ambito ginecologico

Avezzano – Sono Roberta Rico e sono candidata nella lista “Riformisti per AZ” con Giovanni Di Pangrazio sindaco.
Sono un medico specializzato in ginecologia ed ostetricia, ed è proprio l’amore per la mia professione che mi spinge a voler fare qualcosa in più per le donne, di qualsiasi età, e per il loro benessere.

Per quanto riguarda le giovanissime sarebbe mio desiderio quello di potenziare la prevenzione attivando nelle scuole avezzanesi e delle frazioni dei punti informativi su temi considerati “tabù” e non affrontati all’interno delle famiglie, come ad esempio la sessualità e le malattie veneree, nonchè il tema della gravidanza e dell’aborto, con le annesse conseguenze psicologiche.

Questi centri all’interno delle scuole saranno un punto di riferimento non solo a livello medico, tramite l’opportunità di effettuare visite ginecologiche, ecografie e pap test volti a prevenire tumori del collo dell’utero e dell’apparato genitale, ma anche a livello psicologico, in quanto le giovani donne potranno essere ascoltate senza filtri e senza il timore di essere giudicate, e potranno essere opportunamente aiutate per ogni loro necessità.

Propongo inoltre, rivolgendomi alle donne di tutte le età, di creare delle strutture itineranti, simili alle autoemoteche, attrezzate con tutte le strumentazioni del caso come ecografi portatili, tramite le quali poter fare tappa all’interno della città di Avezzano e nelle varie frazioni.
In questo modo permetteremmo a tutte coloro che abbiano delle difficoltà o che comunque non abbiano la possibilità materiale di spostarsi, di ricevere le adeguate cure ed attenzioni, di essere informate, di essere sottoposte a visita, nonchè di fare attività preventiva tramite ecografia e pap test, il tutto nel massimo rispetto della privacy delle pazienti.

Per quanto riguarda l’ambito prettamente ostetrico, considerando il periodo dell’emergenza Covid, sarebbe opportuno e utile istituire dei percorsi di assistenza alle donne in stato interessante, attraverso la creazione di strutture alloggiative dotate di tutti i comfort necessari alla particolare condizione della gravidanza, che si trovino nelle immediate vicinanze dell’ospedale e che consentano loro di sostarvi, di essere monitorate e di essere assistite con maggiore facilità.
Essendo poi l’attesa di un figlio un momento decisamente particolare per una donna, sarebbe proficuo creare un’assistenza telematica attiva h24, che comprenda un team di medici tra cui ginecologi, ostetrici e psicologi, in grado di fornire un supporto a 360 gradi tramite una linea telefonica, videochiamate e un’applicazione gratuita facilmente scaricabile tramite tablet e smartphone.
La presenza di un team medico sarà anche un ottimo incentivo per creare un maggior numero di posti di lavoro, dando un po’ di ossigeno all’annosa questione della disoccupazione, che sta molto a cuore anche al candidato sindaco Giovanni Di Pangrazio.
Uno degli obiettivi principali, anche attraverso la risoluzione di problemi come il parto indolore disponibile solo per pochissime ore al giorno, è quello di far sì che le donne tornino a considerare Avezzano come il loro centro di riferimento, riacquistando la fiducia in esso, fiducia che viene riposta purtroppo sempre più spesso nel capoluogo aquilano.
È bene evidenziare e riportare in auge l’importanza di Avezzano, affinché le donne non si debbano spostare e si sentano a casa nella propria casa.

Ultim'ora