Ecco com’era il portico della chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta alla fine dell’Ottocento



Magliano de’ Marsi – Ci siamo più volte soffermati sulla storia e sulla preziosa valenza artistica della chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta di Rosciolo. Negli archivi del Ministero della Cultura di Francia, Biblioteca Multimediale di Architettura e Patrimonio, è conservato uno spettacolare e importantissimo scatto in bianco e nero, risalente alla fine dell’Ottocento, che ci permette di osservare com’erano il portico e la facciata della chiesa alcuni anni prima che venissero danneggiati dai terremoti del 1904 e del 1915.

L’artefice del prezioso scatto è lo storico e archeologo francese Camille Enlart che si trovava nella Marsica presumibilmente tra il 1890 e il 1893 per condurre uno studio sull’arte gotica francese documentando, attraverso fotografie bellissime, alcuni degli esempi d’arte e di architettura presenti nei nostri territori. La foto che vi mostriamo fa parte dell’insieme di scatti che Enlart realizzò proprio in quel periodo.

La facciata della chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta, al tempo, come si può ben notare, presentava dei dettagli leggermente diversi da oggi. Prima di tutto si nota l’esistenza di un piccolo campanile a vela che, probabilmente, con i terremoti di inizio Novecento, crollò. Si può osservare, inoltre, sulla sinistra, la presenza di un muro che, attualmente, non esiste più. Esso faceva parte del monastero che, diversi secoli prima, era affiancato alla chiesa.

Oltre alla presenza di un uomo, leggermente nascosto nell’ombra e di una donna, abbigliata così come all’epoca erano abbigliate un po’ tutte le donne marsicane, si nota anche quella di un bambino o di una bambina. Inoltre si vede che, al tempo, il portico era “protetto” da una sorta di “cancello” di legno, quello che oggi, invece, è costituito da una grande, e di certo più sicura, cancellata metallica. Nella foto di Enlart non è presente nemmeno la piccola porta laterale che oggi si trova a destra rispetto al portico.




Leggi anche